Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per gli amateur: son saliti sul tetto d'Europa con due titoli continentali, e raggiunti altri dieci importanti successi sia in campo maschile sia femminile, oltre ad altri risultati di alto livello.
Impegnativo, combattuto, divertente, con qualche colpo di scena, il 2016 si è chiuso memorabile per l’Italia. Il momento magico si riflette quindi sul turismo golfistico in modo interessante, aiutato dalla conquistata assegnazione della Ryder Cup 2022, che ha significato l’aumento del 20% di green fee venduti agli stranieri. L’accrescimento va a confermare il momento d’oro del golf tricolore, preso nel suo insieme.
C'è ora grande interesse per il 2017, passione rintuzzata dal ritorno di Tiger Woods, attentamente osservato da Jason Day e Henrik Stenson, e perché no, dal nostro Francesco Molinari.
Sono appetitose le novità nel campo dei professionisti italiani: Il Tour 2017 del circuito europeo maschile, che si prospetta altrettanto lungo e faticoso della scorsa stagione, ha avuto inizio il 1° dicembre con due Championship (in Sudafrica al Leopard Creek di Malelane, e in Australia al Royal Pines nel Queensland). Correrà su 48 appuntamenti in 27 nazioni in giro per il mondo, per terminare il suo calendario con il World Championship a Dubai, nel mese di novembre. Si può ben dire che il tour europeo manifesta il suo carattere universale, se si considera che già nel corso dei primi cinque mesi della stagione il programma vede interessati dieci diversi paesi. Due, delle 48 gare in programma, si giocheranno nella nostra penisola: Oltre all’Open d’Italia (12-15 ottobre) inserito nelle prestigiose Rolex Series, ossia i sette eventi con un montepremi di almeno sette milioni di dollari, si svolgerà anche il Rocco Forte Open (18-21 maggio) al Verdura Golf & Spa Resort nei pressi di Agrigento, con palio un milione di euro. Il Rocco Forte Open fa tornare la Sicilia tra le sedi di gara europee, dopo la competizione del 2012, che vide il trionfo del danese Thorbjørn Olesen, proprio al Verdura. La gara dà inoltre l’occasione a Sir Rocco Forte, fondatore e presidente di quel gruppo di hotel e resort di lusso, di debuttare come title sponsor nell’importante evento.
Sono cinque gli azzurri presenti all’European tour 2017: Francesco Molinari, Renato Paratore, Matteo Manassero, Nino Bertasio, Edoardo Molinari. Non sono tanti, invero, e non si può dire che ci sia stato progresso in questi anni riguardo al numero: nel 1999 erano otto gli italiani sul tour. Speranze sì, ce ne sono, ma di proprio grande, al momento c’è solo Francesco, che oltre al Tour europeo, è inserito anche in quello americano, il PGA. L’unico italiano.
In campo femminile, le proette azzurre si sono impegnate al finale QS LET con grande risultato: quattro italiane, Stefania Avanzo, Lucrezia Colombotto Rosso, Francesca Cuturi, ed Elisabetta Bertini hanno conquistato la promozione al circuito 2017. Le prime due hanno ottenuto la “carta” piena per il Ladies European Tour 2017 dopo una valida prestazione nel finale di qualificazione sui percorsi del Samanah e dell’Amelkis GC, a Marrakech in Marocco. Le altre due hanno conseguito una “carta condizionale” categoria 9 b, che comporta qualche limitazione di gioco, ma che le trova pur sempre inserite nel circuito. È stato un buon risultato per il golf italiano femminile, che per la prossima stagione potrà contare su ben nove giocatrici nel Tour europeo. Le quattro promosse, infatti, saranno a fianco di Diana Luna, Giulia Sergas, Stefania Croce, Margherita Rigon e Sophie Sandolo, atlete già in possesso della “carta”.
Più accettabile, meno faticoso, ma pur sempre impegnativo, il calendario LET che interessa molti Paesi: oltre all’Europa con Francia, Germania, Inghilterra, Scozia, Repubblica Ceca, e Spagna, le azzurre correranno in Australia, Nuova Zelanda, Cina, Africa, Brasile, India, Cambogia, Colombia, Qatar, Giappone, per finire a Dubai con il Ladies Masters. Non è poco.
Di estremo interesse, i dilettanti (gli amateur), un insieme di promesse.
Anche il loro calendario è ricco per il nuovo anno. Oltre alle manifestazioni estere, più di 100 avranno luogo in Italia tra Campionati nazionali e internazionali, Tornei a squadre, Gare nazionali a 72, 54, e 36 buche, Trofei giovanili federali, Campionati regionali. Nell’insieme degli eventi sarà presente, e di spicco, il Veneto con il “Nazionale Ragazzi” - match-play (Trofeo Andrea Brotto), con il “Nazionale Ragazze” - match-play (Trofeo Roberta Bertotto) entrambi giocati a Padova, e il 65esimo Leone di San Marco, combattuto al Venezia.
Insomma, se il bilancio 2016 è stato sicuramente positivo per il tricolore, il 2017 può riservare tante sorprese che ci auguriamo altrettanto concrete.
Paolo Pilla