Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'Ulss: tipologia senza rischi di epidemia, non serve profilassi

UN CASO DI MENINGITE ANCHE A MONTEBELLUNA

Anziana ricoverata in Terapia intensiva al S. Valentino


MONTEBELLUNA - Anche in provincia di Treviso si è verificato un caso di meningite. La Direzione Sanitaria dell'Ulss 2 Marca Trevigiana ha reso noto che all'ospedale San Valentino di Montebelluna è ricoverata una paziente che si è rivelata - in seguito agli esami di laboratorio - affetta da meningite da pneumococco. La paziente, anziana, si trova attualmente in Terapia intensiva. L'azienda socio sanitaria fa presente che la meningite da pneumococco si presenta con casi isolati durante tutto l'anno, prevalentemente in inverno-primavera. A differenza di altri tipi di questa patologia non dà origine a focolai epidemici e perciò non richiede interventi di profilassi antibiotica sui familiari e i contatti stretti.

COLETTO: "IN VENETO ANDAMENTO SOTTO CONTROLLO"


"In Veneto, l’andamento dei casi di meningite in questo periodo rientra nella media annuale regionale e nazionale, e non desta al momento particolari preoccupazioni. La vigilanza è comunque al massimo livello. Sul fronte della richiesta di vaccinazioni non si è in presenza di una situazione di emergenza. Anche statisticamente, la maggioranza dei casi registrati tra il 2014 e il 2016 riguarda la meningite da pneumococco, quella riscontrata oggi dall’Ulss della Marca Trevigiana in una paziente a Montebelluna, che non è contagiosa e non richiede azioni di profilassi sui contatti". Lo sottolinea l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, alla luce di una serie di dati elaborati dalla Direzione regionale Prevenzione, in relazione all’allarme che si sta diffondendo su scala nazionale e al caso registrato oggi in Veneto.
Il Sistema di sorveglianza specifico attivo da anni in Veneto testimonia che, tra il 2007 e il 2016, il 53,9% dei casi è relativo a meningite da pneumococco, la forma non contagiosa.  La forma più temuta e pericolosa è quella causata dal batterio Neisseria Meningitidis (il meningococco), seguita dall’Haemophilus influenzae e dal non contagioso Streptococcus Pneumoniae (lo pneumococco del caso di Montebelluna).
Nel 2014 i casi registrati complessivamente in Veneto sono stati 187, dei quali 135 da pneumococco (non contagioso); nel 2015 i casi totali sono stati 105, dei quali 78 da pneumococco; nel 2016 appena concluso i casi sono stati 133, 98 dei quali da pneumococco.
"A fronte di questa situazione, che è tuttora perfettamente sotto controllo – aggiunge Coletto – va ricordato che la vaccinazione contro il Meningococco C, l’Haemophilus Influenzae B e lo Streptococcus Pneumoniae è offerta in Veneto da molti anni, ed è naturalmente consigliata. Il calendario vaccinale vigente dal 2014, inoltre ha previsto l’introduzione di due nuovi vaccini: quello contro il meningococco B e quello tetravalente".