Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il direttore dell'Ulss 2: "Fondamentale vaccinarsi"

ANZIANA MUORE DI TETANO A CONEGLIANO

La donna ultranovantenne era ricoverata da dicembre


CONEGLIANO - Un’anziana ultranovantenne colpita dal tetano e ricoverata dai primi di dicembre all’Unità Operativa di Rianimazione dell’Ospedale di Conegliano è deceduta nei giorni scorsi. La donna, che non era vaccinata, al momento del ricovero presentava un quadro clinico complesso e gravi problemi respiratori.
“Il decesso per tetano che abbiamo registrato – sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi - conferma l’assoluta importanza della vaccinazione, unica vera forma di prevenzione di questa grave malattia. E’ fondamentale vaccinare i bambini fin dai primi mesi di vita. La vaccinazione, o il richiamo vaccinale, sono inoltre raccomandati anche per tutti gli adulti. Negli ultimi dieci anni nel territorio dell’ex Ulss 7 sono stati registrati cinque casi di tetano, ben quattro dei quali in donne anziane non vaccinate (il quinto era riferito a un uomo che aveva fatto un’unica dose di vaccino”.

LA MALATTIA
“Il tetano è una malattia infettiva grave che  non si trasmette da persona a persona e che è causata da un bacillo, il Clostridium tetani, produttore di una tossina - spiega Sandro Cinquetti - direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’ex Ulss 7 -. I bacilli sono in grado di sopravvivere nel terreno per lungo tempo sotto forma di spore, che resistono sia ai comuni disinfettanti che al calore e che possono penetrare nei tessuti attraverso ferite della pelle anche lievi, lacerazioni, ustioni contaminate con terra o polvere o anche attraverso morsi di animali o l’iniezione di droghe con siringhe sporche”.
Nell'organismo le spore si trasformano nel bacillo che produce una tossina, detta tetanospasmina, estremamente potente.
La malattia presenta diversi quadri clinici di differente gravità: nella forma generalizzata sono coinvolti dapprima i muscoli mimici del volto, in seguito la rigidità si diffonde a tutto il corpo, successivamente compaiono spasmi della muscolatura accompagnati da intenso dolore. Se vengono coinvolti i muscoli respiratori si può arrivare ad ostruzione delle vie aeree ed asfissia.
Possono essere presenti altri sintomi come febbre, sudorazione, ipertensione arteriosa e tachicardia.  Il tetano non può essere eradicato, perché non è possibile eliminare le spore dal terreno e più in generale dall’ambiente in cui viviamo.

CHI COLPISCE
In Italia il tetano colpisce soprattutto le persone sopra i 60 anni, nella maggior parte dei casi le donne, che non sono mai state vaccinate. L’incidenza della malattia è minore negli uomini in quanto, finché è rimasto in vigore l’obbligo del servizio militare, venivano tutti vaccinati in quell’occasione.

LA VACCINAZIONE
Bambini: la vaccinazione contro il tetano viene offerta gratuitamente a tutti i bambini entro il primo anno di vita dal 1963. Rientra nella vaccinazione esavalente attiva, oltre che contro il tetano, anche contro difterite, pertosse, poliomielite, epatite B, infezioni da Haemophilus influenzae di tipo b.

Adulti: la vaccinazione contro il tetano è raccomandata e offerta gratuitamente anche a tutti gli adulti. La somministrazione di tre dosi di vaccinazione antitetanica conferisce una protezione molto elevata, con un’efficacia superiore al 95 %.
Si raccomanda la somministrazione di una dose di richiamo ogni 10 anni per tutta la vita. Le ragioni di questa scelta sono molteplici: la perdita degli anticorpi aumenta nella popolazione vaccinata con l'aumentare dell'età; l’abolizione del servizio militare ha di fatto annullato la dose di richiamo che veniva praticata in quell' occasione ai giovani maschi; una sola dose nei soggetti adulti (ad esempio quella che viene effettuata in caso di ferita nei pronto soccorso ospedalieri) può non essere sufficiente a difenderli per il resto della vita (che si prolunga sempre di più).