Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il gruppo lancia un progetto per creare in casa i manager del futuro

IWIS PUNTA SU INNOVAZIONE E QUALITÀ TOTALE

Nuovo look dello stabilimento di Vittorio Veneto dopo le feste


VITTORIO VENETO - Non è stato il solito rientro dopo le ferie natalizie per i numerosi collaboratori di Iwis Holding, la multinazionale basata a Vittorio Veneto, capitanata dal presidente Luciano Mazzer.
“Vogliamo rafforzare il nostro ruolo di fornitore globale di prodotti e sistemi per l’edilizia e le grandi opere puntando sulla ricerca continua di prodotti e sistemi sempre più evoluti” ha precisato Luciano Mazzer, che ha iniziato la sua carriera imprenditoriale nel 1977 e che oggi è a capo di un gruppo in piena espansione in tutto il mondo.
Durante la chiusura natalizia, alcuni dipendenti hanno sacrificato qualche giorno delle proprie ferie per preparare ai colleghi una sorpresa: il nuovo look dello stabilimento di Vittorio Veneto, voluto per comunicare la nuova impostazione aziendale che prende corpo sotto l’acronimo IQS, Iwis Quality Strategy. Il restylig si esprime all’esterno con undici banner lunghi 10 metri per 1,5 e all’interno attraverso un centinaio di frecce direzionali, cui si aggiungono alcuni totem e innumerevoli insegne: la qualità si coltiva in ogni dove.
“Il cambiamento non è solo visivo ovviamente - spiega Mazzer – Si tratta di un cambiamento radicale nella gestione dei processi aziendali che si pone come obiettivo finale la soddisfazione totale dei clienti d’ogni parte del mondo perché si sentano accompagnati verso il massimo successo nei rispettivi mercati”.
Iniziato qualche mese fa con riunioni, corsi di formazione, training mirati e comunicazioni bidirezionali coi diversi team aziendali, il progetto prevede che ogni singolo collaboratore sia posto nelle condizioni di offrire il proprio contributo a prescindere dal ruolo ricoperto.
Perché ciascuno, nell’ambito delle proprie mansioni, contribuisce all’immagine dell’azienda e non va sottovalutato. La qualità totale di un’azienda passa inevitabilmente attraverso i valori delle persone che la compongono. La vera sfida è quindi questa: far sì che ciascuno si senta responsabile del valore generato dall’azienda nel suo insieme e vi concorra per le proprie competenze. “Siamo tutti venditori”, è il motto che sintetizza il nuovo corso volto a far venire a galla qualità ancora non pienamente espresse nella convinzione – conclude Mazzer - che le professionalità più qualificate anche a livello manageriale potranno emergere dalle fila dai nostri collaboratori. Questo implica la valorizzazione delle risorse interne a scapito di nuove acquisizioni.
"Il nostro progetto - conclude il presidente - mira a potenziare al massimo i valori di ciascuno dei nostri collaboratori con il chiaro intento di creare il futuro management attingendo alle forze interne all’attuale staff”.




Galleria fotograficaGalleria fotografica