Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Stabili le condizioni del 47enne ricoverato a Treviso

MENINGITE, PROFILASSI SU 15 PARENTI E AMICI DEL MALATO

L'Ulss: "Nessun rischio per i contattti occasionali"


TREVISO - Sono stabili le condizioni del 47enne colpito da meningite da meningococco di tipo C e ricoverato, da mercoledì, al Ca’ Foncello di Treviso.
“Trascorsi ormai quattro giorni dal momento del ricovero, quando la situazione, particolarmente sul fronte della coagulazione, era estremamente grave, possiamo dire di nutrire un cauto ottimismo", sottolinea il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi. Massima tranquillità, secondo Benazzi, anche sul fronte dei possibili casi secondari. Tra giovedì e venerdì il Dipartimento di Prevenzione ha completato l’indagine epidemiologica e individuato tutti i contatti stretti del paziente: a familiari, colleghi di lavoro e amici intimi (una quindicina di persone in tutto) è stata somministrata una compressa da 500 mg di Ciprofloxacina. Per i contatti occasionali, vale a dire per i conoscenti e le persone che hanno avuto incontri a carattere professionale con il 47enne – che lavora nell’hinterland coneglianese - non è necessario alcun tipo di profilassi. Non è necessaria alcuna profilassi nemmeno per i contatti dei familiari e dei colleghi di lavoro. "Ricordo a tutti che il contagio è estremamente difficile - sottolinea il direttore dell'Ulss 2 -, considerato che il batterio resiste pochissimo nell’ambiente esterno”.
Non vi è alcuna necessità di profilassi, dunque, per tutti coloro che nei giorni precedenti il ricovero hanno incontrato occasionalmente il 47enne colpito da meningite.