Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il via dopo il test positivo della navetta durante le feste

A CASTELFRANCO ARRIVA UNA LINEA URBANA DI BUS

Collegherà stazione, ospedale e centro storico


CASTELFRANCO VENETO - Mobilità di Marca traccia un bilancio dell’iniziativa bus navetta dedicata al collegamento tra parcheggi scambiatori e centro storico di Castelfranco Veneto, realizzata nel periodo delle festività natalizie. Un servizio sperimentale, attuato su richiesta e in collaborazione con l’amministrazione comunale, che è stato proposto per otto pomeriggi nei festivi e prefestivi (per una fascia oraria limitata, dalle 14 alle 18) ponendosi l’obiettivo di decongestionare dal traffico il centro storico castellano, abituando i cittadini ad usufruire dei parcheggi gratuiti decentrati. La risposta dell’utenza è andata via via crescendo, partendo con una ventina di passeggeri nel weekend di avvio (17/18 Dicembre) per arrivare a 50 persone nella giornata del 6 Gennaio. La navetta nell’ultimo weekend ha viaggiato quasi al completo se si considera che il bus utilizzato è omologato per una sessantina di posti, tra seduti e in piedi.
“Riteniamo questo risultato davvero lusinghiero, soprattutto se rapportato a iniziative simili realizzate anche nel capoluogo della Marca. All’avvio avevo detto – ricorda il presidente MoM, Giacomo Colladon – siano i castellani a dimostrare l’interesse per un servizio urbano e mi pare si possa dire che i castellani abbiano risposto davvero positivamente, con una partecipazione crescente che ci fa ben sperare in vista di un potenziamento del servizio in questa città”.
“L’iniziativa, oltre a fornire un servizio al centro storico nel periodo natalizio, è stata pensata anche come test – ricorda infatti il direttore generale, Giampaolo Rossi – per valutare l’impatto di un nuovo servizio urbano da attivare in Castelfranco Veneto”. Valutata, quindi, positivamente la risposta della cittadinanza (per la disponibilità ad utilizzare mezzi alternativi all’auto e a modificare i propri comportamenti) l’azienda, in accordo con l’amministrazione comunale, si è impegnata ad attivare entro i prossimi mesi una nuova linea urbana che collegherà i servizi del centro (stazione ferroviaria, ipermercato, ospedale, centro storico).
“C’è un ritardo da colmare: Castelfranco – afferma il sindaco, Stefano Marcon – resta l’unica cittadina di medie dimensioni nella provincia di Treviso ancora sguarnita di un servizio urbano. Gli esperimenti del passato sono naufragati ma il risultato di questa recente sperimentazione ci dimostra che la città è pronta. Ci siamo attivati per l’implementazione dei servizi di trasporto pubblico locale nell’area vasta Castelfranco-Montebelluna, anche presentando richiesta di finanziamenti regionali. Per il centro città riteniamo fondamentale, in vista dell’arrivo dello IOV, un servizio sanitario di valenza regionale, il collegamento con mezzi pubblici dalla stazione ferroviaria fino all’ospedale”.