Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il via dopo il test positivo della navetta durante le feste

A CASTELFRANCO ARRIVA UNA LINEA URBANA DI BUS

Collegherà stazione, ospedale e centro storico


CASTELFRANCO VENETO - Mobilità di Marca traccia un bilancio dell’iniziativa bus navetta dedicata al collegamento tra parcheggi scambiatori e centro storico di Castelfranco Veneto, realizzata nel periodo delle festività natalizie. Un servizio sperimentale, attuato su richiesta e in collaborazione con l’amministrazione comunale, che è stato proposto per otto pomeriggi nei festivi e prefestivi (per una fascia oraria limitata, dalle 14 alle 18) ponendosi l’obiettivo di decongestionare dal traffico il centro storico castellano, abituando i cittadini ad usufruire dei parcheggi gratuiti decentrati. La risposta dell’utenza è andata via via crescendo, partendo con una ventina di passeggeri nel weekend di avvio (17/18 Dicembre) per arrivare a 50 persone nella giornata del 6 Gennaio. La navetta nell’ultimo weekend ha viaggiato quasi al completo se si considera che il bus utilizzato è omologato per una sessantina di posti, tra seduti e in piedi.
“Riteniamo questo risultato davvero lusinghiero, soprattutto se rapportato a iniziative simili realizzate anche nel capoluogo della Marca. All’avvio avevo detto – ricorda il presidente MoM, Giacomo Colladon – siano i castellani a dimostrare l’interesse per un servizio urbano e mi pare si possa dire che i castellani abbiano risposto davvero positivamente, con una partecipazione crescente che ci fa ben sperare in vista di un potenziamento del servizio in questa città”.
“L’iniziativa, oltre a fornire un servizio al centro storico nel periodo natalizio, è stata pensata anche come test – ricorda infatti il direttore generale, Giampaolo Rossi – per valutare l’impatto di un nuovo servizio urbano da attivare in Castelfranco Veneto”. Valutata, quindi, positivamente la risposta della cittadinanza (per la disponibilità ad utilizzare mezzi alternativi all’auto e a modificare i propri comportamenti) l’azienda, in accordo con l’amministrazione comunale, si è impegnata ad attivare entro i prossimi mesi una nuova linea urbana che collegherà i servizi del centro (stazione ferroviaria, ipermercato, ospedale, centro storico).
“C’è un ritardo da colmare: Castelfranco – afferma il sindaco, Stefano Marcon – resta l’unica cittadina di medie dimensioni nella provincia di Treviso ancora sguarnita di un servizio urbano. Gli esperimenti del passato sono naufragati ma il risultato di questa recente sperimentazione ci dimostra che la città è pronta. Ci siamo attivati per l’implementazione dei servizi di trasporto pubblico locale nell’area vasta Castelfranco-Montebelluna, anche presentando richiesta di finanziamenti regionali. Per il centro città riteniamo fondamentale, in vista dell’arrivo dello IOV, un servizio sanitario di valenza regionale, il collegamento con mezzi pubblici dalla stazione ferroviaria fino all’ospedale”.