Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Altri due giovani segnalati alla Prefettura come assuntori

SPACCIATORE ARRESTATO A PORTA ALTINIA DALLA POLIZIA LOCALE

Denunciato straniero con 23 grammi di droga e 500 euro


TREVISO - Durante un controllo ai giardini di Porta Altinia, gli agenti della Polizia locale di Treviso hanno notato quattro ragazzi. Con l'ausilio dell'unità cinofila sono stati rinvenuti 23 grammi di sostanza stupefacente addosso ad un cittadino straniero che è stato anche trovato in possesso di 500 euro in contanti. Il tutto è stato sequestrato ed l'immigrato, dopo l'identificazione in comando, è stato deferito all'autorità giudiziaria per spaccio di stupefacenti. Due degli altri ragazzi sono stati trovati in possesso di una piccola dose ciascuno e perciò segnalati alla prefettura come assuntori di stupefacenti: si tratta di un maggiorenne di Casier ed un minorenne di Silea. "Ecco ciò che fa il Comune per la sicurezza della città, nei limiti delle sue competenze: servizi appiedati in centro, controlli nei luoghi "caldi", polizia di prossimità nei quartieri - sottolinea il vicesindaco e assessore alla sicurezza del Comune di Treviso Roberto Grigoletto -. Il tutto in concorso con le forze di polizia dello stato. Treviso, grazie alle nostre forze dell'ordine è una città dove le regole vengono fatte rispettare e la sicurezza garantita. Qualche consigliere farebbe bene invece a verificare le notizie che fornisce agli organi di stampa. L'unica conseguenza di una simile condotta è infatti quella di alimentare un clima di insicurezza che non solo non è reale ma che soprattutto danneggia i cittadini”.