Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/271: MATTHEW JORDAN ALL'ULTIMO COLPO NELL'ITALIAN CHALLENGE

L'inglese si impone al playoff sull'azzurro Scalise


MONTEROSI (VT) - Usciamo per un po’ dagli schemi del PGA, e dell’European Tour, per vedere come vanno le cose con l’Italian Challenge. Il Challenge Tour è il tour di golf professionale maschile europeo di secondo livello. È gestito dal PGA European Tour e, come per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/270: IL GOLF ABBRACCIA LA SOLIDARIETA’

A Ca' della Nave l'undicesimo Trofeo Par 108


MARTELLAGO - Non finisce di stupire il Par 108. È nato bene, ed è un continuo crescendo: per l’affiatamento dei soci, e la buona organizzazione. Domenica il loro Comitato ha programmato una Louisiana a quattro giocatori, 18 buche stableford sul percorso del Club di Ca della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/269: SETTE AZZURRI IN GARA IN GERMANIA PER L'EUROTOUR

Con una spettacolare rimonta Andrea Pavan vince il Bmw International


MONACO DI BAVIERA (GER) - Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Andrea Pavan, Filippo Bergamaschi e Renato Paratore reduce quest’ultimo dall’US Open, sua prima esperienza in un major, scendono in campo al Golf Club München Eichenried di Monaco di Baviera,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne di Bolzano), si battono nell’intento di arrivare tra i primi trentacinque nel QS (la qualificazione), e conquistare la “carta piena” per l’Asian Tour 2017.
Nel Torneo dei Campioni del PGA si gioca lo SBS sul percorso del Plantation Course (Par 73), a Kapalua nell’isola hawaiana di Maui, dal 5 all’8 gennaio. Dopo il lungo stop per infortunio, è tornato in campo l’australiano Jason Day, ed è ancora il numero uno del Ranking mondiale, perché nessuno ha saputo approfittare della sua assenza, compreso il nordirlandese Rory McIlroy, assente in quest’occasione. A difendere il titolo c’è Jordan Spieth, numero cinque del ranking, che tra gli avversari più pericolosi, oltre all’australiano Jason Day, ha altri quattro giocatori inseriti tra i top ten del mondo. Sono l’americano Dustin Johnson, il giapponese Hideki Matsuyama che aveva vinto quattro delle ultime cinque gare cui aveva preso parte, il texano Patrick Reed, e il grande mancino Bubba Watson, quello che tira più lungo, e che ha il vezzo di giocare con la pallina rosa. Il montepremi è di 6.100.000 dollari, nessun italiano poteva essere presente, ma è il caso di seguirli almeno un po’, perché sono i più forti giocatori del mondo.

Gli azzurri invece, si battono al Windsor Park&GC di Bangkok in Thailandia, con al via 116 partenti. Va detto che contemporaneamente si gioca per la stessa qualificazione anche al Suvarnabhumi G&CC (121 al via) sempre a Bangkok ma qui non ci sono italiani. Entrambi i tornei si disputano sulla distanza di settantadue buche, e dopo trentasei, il taglio lascia in gara i primi ottanta classificati che si contenderanno i posti per la finale. Finale che avrà luogo sui due tracciati del Suvarnabhumi G&CC (East e South Course), sempre in Tailandia, dove saranno ammessi 264 concorrenti che il taglio ridurrà inesorabilmente a 100 dopo due giri. Al termine, i primi trentacinque in graduatoria e i pari merito al 35° posto, avranno la “carta” piena per l’Asian Tour 2017. E ora vediamo come si comportano:

4 gennaio -primo giro al Windors Park. Buona partenza di Alessandro Tadini e di Aron Zemmer, undicesimi con 69 colpi (-3). Si nota il gran ritmo dell’inglese Steve Parry, leader con 64 (-8) e tre colpi di margine sul connazionale William Harrold, sullo statunitense Cory Oride e sul dilettante taiwanese James Lee.
5 gennaio - Hanno tenuto un buon passo Alessandro Tadini e Aron Zemmer, entrambi 18esimi con 140 colpi (-4), e gli stessi parziali (69 71). Il giapponese Kento Nakai (68 67, -9) ha sorpassato l’inglese Steve Parry (136, -8). Il taglio, previsto oggi dopo 36 buche, lascia in gara 80 partecipanti che si contenderanno i 25 posti per la finale.
6 gennaio - Alessandro Tadini è salito dal 18° al quinto posto con 206 colpi (69 71 66, -10) e Aron Zemmer, 25° con 211 (69 71 71, -5), è rimasto nei limiti di qualifica a un giro del termine. Nuovo leader è il coreano Youngjea Byun (203 - 70 67 66, -13), che precede il connazionale Songgyu Yoo (204, -12).
7 gennaio, ultimo giro - Alessandro Tadini, settimo con 277 colpi (69 71 66 71, -11), ha ottenuto un posto in finale nella Qualifying School dell’Asian Tour. Non è entrato invece tra i 25 promossi Aron Zemmer, arrivato 43° con 285, peccato, sembrava potercela fare. Su tutti si è imposto il coreano Songgyu Yoo con 268 (71 67 66 64, -20).
L’accesso alla finale, come già fatto cenno, avverrà, sui due percorsi del Suvarnabhumi dall’11 al 14 gennaio, con 264 concorrenti che dopo il taglio a due giri, diventeranno 100. Non ci resta che augurare “in bocca al lupo” ad Alessandro Tadini, il quarantatreenne piemontese di Borgomanero, che abbia a terminare tra i primi 35 in graduatoria, e intascare la 'carta' piena per l’Asian Tour 2017.
Diamo ora uno sguardo anche ai Campioni del PGA. Non si è ancora è ancora terminato il torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione, con cui è ripreso il PGA Tour statunitense sull’isola hawaiana di Maui. A un giro dal termine, la situazione: il ventitreenne del Kentucky Justin Thomas (201 - 67 67 67, -18) è rimasto da solo al comando. Nella corsa al titolo avrà come principale antagonista il giapponese Hideki Matsuyama, a ridosso con 203 colpi (-16). Il giapponese è reduce da quattro vittorie e da un secondo posto, nelle precedenti cinque uscite. Sono ancora lontani da una buona condizione di forma Jordan Spieth, campione uscente, 19° con 211 (-8), e Bubba Watson, 27° con 215 (-4), su 33 concorrenti. Il montepremi è di 6.100.000 dollari.
Paolo Pilla