Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo vent'anni, lascia lo storico presidente della bcc di Orsago

BANCA DELLA MARCA, SI CHIUDE L'ERA DI GIANPIERO MICHIELIN

Nuovo presidente Claudio Sernagiotto, 48enne montebellunese


ORSAGO - Cambio al vertice storico per Banca della Marca. Dopo vent'anni Gianpiero Michielin lascia la presidenza della banca di credito cooperativo con sede ad Orsago, 37 filiali tra il Trevigiano e il Pordenonese e oltre 7mila soci: Michielin ha presentato le sue dimissioni irrevocabili e mercoledì sera il consiglio di amministrazione ha nominato alla guida dell'istituto Claudio Sernagiotto.
Montebellunese, 48 anni, sposato, 3 figli, di professione commercialista, Sernagiotto era dal 2013 componente del collegio sindacale della banca e dal 2016 presidente dello stesso organismo.
“Avevo anticipato – spiega Michielin - nella scorsa Assemblea dei soci di maggio 2016 che il mandato che allora cominciava sarebbe stato l’ultimo della mia presidenza e che avrebbe potuto interrompersi anche prima della sua scadenza naturale. Ed infatti l’accelerazione avvenuta rispetto alla tempistica programmata, relativamente alla riforma del Credito Cooperativo che ci obbligherà a scegliere rapidamente a quale gruppo aderire e soprattutto, nella sopravvenuta prospettiva di arrivare in tempi brevi all’incorporazione di una consorella BCC, hanno indotto anzitempo al passaggio del testimone, creando la condizione per la quale la nuova presidenza possa, fin da subito, essere parte attiva nella gestione delle profonde trasformazioni che ci attendono". L'ormai ex numero uno, rimarrà comunque in consiglio di amministrazione: “I nostri indicatori oggi esprimono un aspetto chiaro: Banca della Marca è solida. L’ utile 2016 sarà importante e rafforzerà ulteriormente il patrimonio netto. La nostra è una realtà che è vicina a imprese e cittadini", ribadisce Michielin.
La successione avviene nel segno della continuità del lavoro intrapreso, come sottolineano una nota del cda e lo stesso neopresidente. "Il mio operato sarà nel solco della continuità e sulla scia di quanto fatto in questi anni dal cda e dal management che ha rafforzato la banca conseguendo risultati eccellenti”. Rigraziando per la fiducia accordatagli, Sernagiotto rimarca: “Le sfide che abbiamo di fronte sono molteplici e complesse a partire dalla riforma del credito cooperativo e dalla scelta di eventuali fusioni (si parla di contatti con la bcc di Marcon, ndr). Noi lavoreremo con l’obiettivo di mantenere intatta la nostra identità ed i nostri valori. I nostri soci ed i nostri clienti hanno una banca con i conti in ordine e che può guardare al futuro con serenità e fiducia e proprio quest’ultima oggi è un fattore decisivo e strategico. La crisi di diversi istituti ha minato alla base la fiducia dei clienti, ma noi lo vogliamo dire forte e chiaro che Banca della Marca è diversa. Noi siamo una realtà solida e seria su cui si può contare e a dirlo solo i numeri".