Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il risultato dell'equipe della rianimazione diretta dal dott. Farnia

MENINGITE, STA MEGLIO L'UOMO COLPITO A DICEMBRE

Era in pericolo di vita, oggi respira senza ventilazione


TREVISO -
Sta meglio il quarantasettenne, ricoverato al Ca’ Foncello di Treviso alla fine di dicembre perchè colpito da meningite da meningococco di tipo C.
La nota della direzione sanitaria continua: "Le gravissime e preoccupanti condizioni che hanno accompagnato il paziente nei primi giorni del ricovero registrano oggi un netto miglioramento. Grazie al successo delle cure da parte del sanitari della Rianimazione del Ca’ Foncello, il paziente da alcuni giorni respira già autonomamente e si prevede che nei prossimi potrà lasciare la terapia intensiva per essere trasferito in un reparto di degenza."

Grande soddisfazione da parte del dott. Francesco Benazzi direttore dell’azienda per il risultato che l’equipe della rianimazione, diretta dal dottor Farnia è riuscita a raggiungere. "Le condizioni del paziente al suo ingresso erano gravissimamente preoccupanti e la sua vita estremamente in pericolo. La prognosi infausta è stata contrastata con elevatissima professionalità fin dai primi attimi del ricovero da tutto il personale dell’unità di Rianimazione. Oggi il paziente respira senza ventilazione, da segni di forte rispresa, possiamo prevedere che tra un paio di giorni lasci la terapia intensiva e speriamo possa quanto prima tornare in famiglia”.

Questa vicenda ha evidenziato l’importanza di un’efficienza multidisciplinare – prosegue Benazzi - perchè ha confermato una perfetta sinergia tra il medico di famiglia, il Pronto soccorso, la Microbiologia che in tempi estremamente rapidi è giunta alla tipizzazione, la Prevenzione per la profilassi sui familiari, la Rianimazione per salvare la vita al paziente, l’unità Malattie Infettive che è già pronta ad accoglierlo per proseguire le cure. In un momento in cui sembra dominare una ingiustificata psicosi in conseguenza ai casi di Meninigite, i cittadini possono rendersi conto di come il nostro sistema sanitario sia all’altezza e disponga dell’elevato livello di professionalità necessario per gestire questo genere di eventi”.
La Direzione sanitaria comunica, inoltre, che anche i 2 pazienti affetti da Meningite da Pneumococco a suo tempo ricoverati in Rianimazione – rispettivamente al Ca’ Foncello di Treviso ed al San Valentino di Montebelluna - sono notevolmente migliorati e sono già stati trasferiti nei giorni scorsi in reparto di degenza.