Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il politologo: "Effetto del clima politico nazionale"

ZAIA E BRUGNARO TRA GLI AMMINISTRATORI LOCALI ITALIANI PIÙ AMATI

Manildo agli ultimi posti tra i sindaci italiani


TREVISO - Giudizi contrastanti sugli amministratori locali veneti. Luca Zaia è presidente di Regione più amato d'Italia, al contrario Giovanni Manildo, sindaco di Treviso, risulta agli ultimi posti per popolarità tra i primi cittadini. E' il risultato dell'annuale Governance Poll, la classifica- sondaggio sul gradimento dei rappresentanti delle istituzioni locali, pubblicata dal Sole 24 Ore.
A guidare la rilevazione dei sindaci è Chiara Appendino, alla guida dell'amministrazione municipale dei Torino. Posizioni elevate anche per il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro. Giovanni Manildo, invece, si piazza al 92esimo posti (peraltro ex aequo con diversi colleghi) su 104 primi cittadini.
Secondo il politologo trevigiano Paolo Feltrin, docente all'università di Trieste, tuttavia, il responsabile di Ca' Sugana, ancor più che mancanze sue o della sua giunta, sconta il clima politico generale.
“Negli anni ’90 c’era una separazione netta tra il giudizio sul sindaco e quello sul governo, tra le mie idee politiche e chi mi amministra, per cui una persona votava anche in modo diverso tra Comune, Regione ed elezioni nazionali. Oggi tende tutto ad appiattirsi - nota Feltrin - Dunque, si giudica anche il sindaco in base alle idee a livello di politica nazionale. E questo giudizio poi, naturalmente, si ripercuote anche sul voto”. Manildo, insomma, sconta le difficoltà del Pd nazionale e dell'ex premier Matteo Renzi, a cui è molto vicino. "Così come si è visto in pressoché tutte le elezioni amministrative del 2016 - conferma il professore universitario -. E a questo si somma il problema immigrati. Quando si mettono insieme queste due variabili, Manildo potrebbe aver fatto benissimo o malissimo, ma il giudizio sarebbe stato comunque quello emerso”.