Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il plauso di Zaia ai Carabinieri: "Presidio di legalità"

SGOMINATA LA BANDA DEL BANCOMAT

Responsabile di oltre 35 colpi tra Veneto e Lombardia


TREVISO - In manette la banda dei bancomat. Sono sedici i destinatari delle misure cautelari emesse dal gip di Treviso ritenute responsabili di oltre 35 assalti ai bancomat tra Veneto e Lombardia

Il reparto operativo-nucleo investigativo carabinieri di Treviso con i colleghi di Padova, Venezia, Vicenza e Verona sta procedendo a eseguire le sedici misure cautelari - quindici detentive e un obbligo di dimora – emesse dal gip nei confronti dei soggetti appartenenti a due associazioni criminali.
I destinatari delle misure erano gli stessi già tratti in arresto il 29 settembre 2016 e successivamente rimessi in libertà a seguito della sentenza del tribunale del riesame di Venezia. 

ZAIA: "CARABINIERI INSOSTITUIBILE PRESIDIO DI LEGALITA'"

"Ancora un bel colpo, anzi due. I Carabinieri si confermano in Veneto come insostituibile presidio di legalità. A loro va la mia gratitudine e quella dei milioni di Veneti per bene”.
Con queste parole, il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta la doppia operazione compiuta dai militari dell'Arma.

"La criminalità sul territorio, quella che colpisce semplici cittadini, esercenti, i bancomat delle banche – aggiunge Zaia – è la peggiore, perché incute quel senso di insicurezza, che fa temere alla gente di poterne essere coinvolta in qualsiasi momento. Successi come questi contribuiscono non solo a buttare in galera (si spera a lungo) i delinquenti, ma anche a inviare un messaggio di tranquillità alle gente. La battaglia è dura, ma le nostre forze dell’ordine non mollano".

Galleria fotograficaGalleria fotografica