Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appuntamento stasera a Villa Onigo di Trevignano

MARIO BOTTER, UNA VITA PER TREVISO E LA SUA ARTE

La figura del celeberrimo restauratore ricordata dalla figlia Natalina


TREVIGNANO -  A lui si deve il salvataggio, dopo i terribili bombardamenti della seconda guerra mondiale, degli affreschi di Palazzo dei Trecento, di Ca' da Noal, di Santa Maria Maggiore, del Capitolo dei Domenicani a San Nicolò, dopo i terribili bombardamenti della seconda guerra mondiale. Mario Botter, restauratore e ispettore onorario ai monumenti, è stato una delle figure chiave per il recupero, la conservazione e la divulgazione del patrimonio artistico trevigiano. Curò il restauro di moltissimi edifici della sua città natale e – figlio del pittore Girolamo e a sua volta pittore - documentò la sua opera con importanti acquarelli. A lui è dedicata la piazzetta prospiciente l'ingresso del complesso di Santa Caterina, sede principale dei Musei civici di Treviso.
A ricordarne la figura e l'eredità a 40 anni dalla scomparsa, martedì alle 20.30 a Villa Onigo di Trevignano, sarà la figlia Natalina Botter. Nata e cresciuta in un ambiente artistico (anche il fratello Memi è stato grande esperto d'arte e restauratore), la stessa Natalina Botter è storica dell'arte e guida turistica, ha seguito per molti anni il restauro di quadri del cinque-seicento a fianco di Bepi Fini. Con il padre ha restaurato alcune ville venete ed è particolarmente orgogliosa di aver ritoccato gli affreschi nella casa di Francesco Petrarca ad Arquà..
La serata rientra nel programma dei Martedì in Villa, promossi dall'assessorato alla Cultura del Comune di Trevignano, con il patrocinio del Rotary. L'ingresso è libero.