Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco: "Tributo ingiusto, ma siamo obbligati ad applicarlo"

ANCHE A CASTELFRANCO VENETO LA "TASSA SULL'OMBRA"

Nel capoluogo castellano pił rassegnazione che proteste


CASTELFRANCO - Si allarga l'affaire "tassa sull'ombra". Anche a Castelfranco Veneto, infatti, è in vigore l'imposta sullo spazio coperto dall'ombra proiettata dalle insegne di bar e negozi ed equiparato ad occupazione di suolo pubblico. "E' un tributo ingiusto - sottolinea il sindaco del capoluogo castellano, Stefano Marcon -, ma siamo obbligati ad applicarlo, poichè deriva da una normativa statale". Abaco, la società a cui l'amministrazione castellana ha appaltato la riscossione della fiscalità locale, infatti, ha richiesto il versamento sulla base dell'interpretazione (da alcuni giudicata troppo letterale) di un decreto legislativo del 1993.
Si tratta comunque di pochi casi, per un importo complessivo di alcune centinaia di euro. A differenza di quanto avvenuto a Conegliano, a Castelfranco finora non si registrano particolari proteste da parte dei commercianti.