Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco: "Tributo ingiusto, ma siamo obbligati ad applicarlo"

ANCHE A CASTELFRANCO VENETO LA "TASSA SULL'OMBRA"

Nel capoluogo castellano più rassegnazione che proteste


CASTELFRANCO - Si allarga l'affaire "tassa sull'ombra". Anche a Castelfranco Veneto, infatti, è in vigore l'imposta sullo spazio coperto dall'ombra proiettata dalle insegne di bar e negozi ed equiparato ad occupazione di suolo pubblico. "E' un tributo ingiusto - sottolinea il sindaco del capoluogo castellano, Stefano Marcon -, ma siamo obbligati ad applicarlo, poichè deriva da una normativa statale". Abaco, la società a cui l'amministrazione castellana ha appaltato la riscossione della fiscalità locale, infatti, ha richiesto il versamento sulla base dell'interpretazione (da alcuni giudicata troppo letterale) di un decreto legislativo del 1993.
Si tratta comunque di pochi casi, per un importo complessivo di alcune centinaia di euro. A differenza di quanto avvenuto a Conegliano, a Castelfranco finora non si registrano particolari proteste da parte dei commercianti.