Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Istruzioni scaricate on line e in casa il kit di raffinazione

A TREVISO L'ALLUCINOGENO PIU' POTENTE AL MONDO

Fermati dalla Polizia due 20enni con mezzo litro di Dmt


TREVISO - E' considerato l'allucinogeno più potente in circolazione, con effetti molto più intensi e, purtroppo, molto più pericolosi rispetto, ad esempio, al più noto Lsd. La Dimetiltriptamina - conosciuta con la sigla Dmt - arriva anche sul mercato della Marca. La Polizia trevigiana ne ha sequestrato un cospicuo quantitativo, in possesso di due giovani fermati mercoledì per un controllo.
Ad insospettire gli agenti delle Volanti, come spiega il dirigente Massimo Olivotto, inanzittutto, il fatto che i due, entrambi italiani, 20enni, di Montebelluna, incensurati, stessero camminando in via Pindemonte, una zona isolata, al confine con Casier, nei pressi dell'ex caserma Serena. Dopo le iniziali reticenze, i due hanno condotto i poliziotti alla loro auto, una Dacia Sandero, parcheggiata poco distante: all'interno, circa mezzo litro di Dmt liquido, suddiviso in tre contenitori per alimenti. Nonostante i giovani abbiano cercato di farlo passare per olio esausto, gli agenti si sono resi conto di avere di fronte una sostanza stupefacente.
Il Dmt viene inalato tramite apposite pipe oppure, una volta fatto cristallizzare e poi triturato e mischiato a marijuana o comune tabacco, viene fumato. Induce stati di alterazione della percezione e di angoscia, ma può provocare anche disturbi permanenti della psiche e della personalità.
La successiva perquisizione nelle case dei due ventenni ha fatto rinvenire anche un kit per la raffinazione, con acqua distillata, soda caustica, solvente, guanti ed altro materiale. I due avevano anche una sorta di "manuale delle istruzioni" scaricato da internet. Questa attrezzatura, unita alla quantità ingente (una singola dose va da 10 a 50 milligrammi), ha determinato la denuncia per detenzione ai fini di spaccio. I ragazzi, con ogni probabilità, stavano cercando un luogo isolato dove nascondere la sostanza e procedere alla lavorazione: il Dmt, infatti, emana un forte odore acre. Secondo i primi accertamenti, le vare vaschette contenevano un principio attivo a diversi stati del trattamento. Inoltre, la ridotta età dei pusher fa supporre che la droga fosse destinata a consumatori altrettanto giovani.
Tutti aspetti che ora dovranno essere appurati dalla Squadra Mobile, a cui è affidato il proseguo delle indagini.