Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Smantellata dalla Polizia una rete di pusher tossicodipendenti

MISS EROINA, A GESTIRE LO SPACCIO E' UNA 23ENNE

Centinaia di giovani clienti nei dintorni di Treviso


PAESE - La miss trevigiana dell'eroina. La Squadra Mobile della Questura di Treviso ha smantellato un giro di spaccio al capo del quale c'era una 23enne di Paese. La giovane, di origini polacche, gestiva una rete di almeno un centinaio di clienti nell'hinterland del capoluogo, tra Paese, Zero Branco, Quinto, tutti molto giovani e in gran parte con un lavoro ordinario: tra loro ad esempio anche l'impiegata di uno studio dentistico.
Le indagini sono partite dall'arresto nello scorso maggio di due ventenni, un italiano e un tunisino, che finanziavano la loro dipendenza con furti nelle scuole. Per gli investigatori, tuttavia, non è stato semplice risalire alla ragazza: si serviva di una rete di pusher tossicodipendenti (a sua volta consuma droga), dai quali si faceva accompagnare anche ad approvvigionarsi della sostanza, in genere a Padova o a Mestre. In questo modo, se fermati per un controllo, lo stupefacente poteva facilmente passare per uso personale. Gli autisti venivano poi compensati con una dose.
Gli incontri con i clienti venivano fissati via telefono, per poi avvenire in ritrovi abituali: bar, parcheggi, giardini pubblici della zona.
Ulteriore accortezza: la giovane spacciatrice in casa, dove vive con i genitori, aveva una modesta quantità di droga. A conservare il grosso per lei era un altro tossicodipendente 50enne, sempre residente a Paese: nella sua abitazione gli agenti hanno trovato 30 grammi di eroina, in "sassi", oltre a un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Con ogni probabilità, si tratta delle scorte che il sodalizio si apprestava a vendere nello scorso week-end: sul mercato avrebbero fruttato almeno un migliaio di euro. I poliziotti però sono intervenuti prima: ora l'uomo è in carcere, mentre la 23enne è ai domiciliari.