Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

una patologia che necessita di un coinvolgimento multidisciplinare

PROSTATE UNIT, ATTIVITĄ IN AUMENTO

Gią due anni fa creato un percorso dedicato all'uomo


PIEVE DI SOLIGO - Il tumore della prostata per la sua complessità rappresenta una patologia che necessita di un coinvolgimento diagnostico e terapeutico multidisciplinare: di qui la decisione del Distretto di Pieve di Soligo dell’Ulss 2 di avviare, già due anni fa, un “percorso dedicato all’uomo” con l’attivazione della Prostate Unit, nel cui ambito i pazienti vengano seguiti da un team multidisciplinare costituito da urologi, medici nucleari, oncologi, fisiatri, anatomopatologi, psicologi, radioterapisti, fisioterapisti. “La creazione del team e l’attivazione di un percorso diagnostico terapeutico e assistenziale (PDTA) dedicato – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi – ci hanno permesso di attuare una presa in carico “globale” del paziente, migliorando così la qualità della cura e dell’assistenza. I vantaggi della presa in carico globale sono numerosi per il paziente: si va dalla riduzione dei tempi di attesa a una maggiore facilità nel completare l’intero iter diagnostico-terapeutico. Una volta eseguita la visita iniziale sono gli operatori, infatti, a farsi carico di tutte le incombenze relative a prenotazioni, programmazione dei percorsi e degli eventuali ricoveri. Questa soluzione offre al paziente le migliori opportunità di ricevere le cure più appropriate e trattamenti di eccellenza. Inoltre, la collaborazione di diverse figure cliniche nella gestione della patologia diventa funzionale alla prevenzione e soluzione delle principali complicanze che potrebbero verificarsi, siano esse fisiche, emotive o psicologiche”.

Nel percorso dedicato vengono inseriti, oltre ai pazienti cui viene diagnosticato un tumore della prostata anche le persone con caratteristiche familiari o riscontri istologici tali da rendere consigliabile un monitoraggio periodico.

I DATI

Il numero dei pazienti seguiti per sospetto tumore della prostata è progressivamente aumentato: dai 326 pazienti sottoposti a biopsia per un sospetto di neoplasia nel corso del 2015 si è passati ai 416 pazienti del 2016. Un terzo dei pazienti è stato trattato con una chirurgia laparoscopica avanzata, mininvasiva 3D.

Nel 2016 i pazienti inseriti nel percorso dedicato (a seguito di biopsia positiva) sono stati 233 con un’età media di circa 70 anni; non mancano in tale casistica pazienti al di sotto dei 50, “il che testimonia – spiega Salvatore Valerio, primario dell’Unità Operativa di Urologia - una progressiva tendenza a un coinvolgimento di una popolazione più giovane, a causa dei moderni stili di vita”. Nel 2016 sono stati eseguiti 60 interventi di prostatectomia radicale, oltre il 90% dei quali effettuati in videolaparoscopia con tecnica 3D. Ventisei, invece, i pazienti che si sono avvalsi del supporto psicologico, avviato dal mese di giugno, per un totale di 44 colloqui, di cui 18 individuali, 24 di coppia e 2 con la famiglia. Solo 3 pazienti hanno avuto necessità di un terzo colloquio di supporto. “Gli importanti risultati raggiunti dalla Prostate Unit in questo primo periodo di attività – spiega Benazzi – testimoniano, oltre all’indubbia professionalità riconosciuta dai pazienti ai nostri specialisti, anche il progressivo sforzo fatto per migliorare costantemente, oltre che sul fronte della tecnologia e della clinica, anche su quello dell’umanizzazione e della personalizzazione delle cure”. Diego Berti


Galleria fotograficaGalleria fotografica