Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì 28 gennaio alle 18 negli Spazi Bomben di via Cornarotta

PRIGIONIERI TRENTINI DELLA GRANDE GUERRA. DALLA GALIZIA ALLA CINA

La conferenza è correlata alla mostra "La geografia serve a fare la guerra?"


TREVISO - Continua il ciclo di conferenze correlate all’esposizione La geografia serve a fare la guerra? Representation of human beings, organizzata dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche con la partnership di Fabrica, e aperta negli spazi Bomben di Treviso.

 

Venerdì 27 gennaio alle 18, nell’auditorium degli spazi Bomben di Treviso, l’antropologa Monica Ronchini tratterà un argomento capace di restituire la dimensione globale della Grande Guerra: Prigionieri trentini della Grande Guerra. Dalla Galizia alla Cina.

Attraverso la lettura della memorialistica popolare – i diari – dei soldati coinvolti nel primo conflitto mondiale, in particolare dei prigionieri tirolesi italiani in Russia, verrà ripercorsa (dai campi di prigionia in Russia, al lavoro forzato presso le aziende della Siberia e infine nel viaggio di ritorno attraverso la Cina) la loro condizione non privilegiata, l’esperienza del viaggio e l’incontro con l’alterità culturale.

I diari raccontano i luoghi in cui i prigionieri transitarono senza che immagini o costrutti culturali li avessero preparati, rivelando la destabilizzazione che rappresenta un viaggio compiuto forzatamente, in condizioni estreme e disordinate, per noi invece comunemente associato a esperienza di libertà.

 

Il ciclo si concluderà venerdì 10 febbraio con la conferenza dello storico militare Paolo Pozzato sul tema Un fiume andò alla guerra: il Piave da elemento geografico a teatro operativo 1917-1918

 

Si ricorda che, alle ore 16, due ore prima degli incontri, viene offerta la possibilità di una visita guidata alla mostra con il curatore, Massimo Rossi, senza maggiorazione al prezzo del biglietto d’ingresso.

 

 

Ingresso alla conferenza libero, auditorium spazi Bomben, via Cornarotta 7, Treviso Per informazioni: Fondazione Benetton Studi Ricerche, tel. 0422.5121, www.fbsr.it