Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In una lettera aperta si scusa con tifosi e societā

BENETTON RUGBY, CHIARITA LA POSIZIONE DI MARTY BANKS

Il giocatore neozelandese arriverā solo a stagione terminata


TREVISO - Il Benetton Rugby fa chiarezza sulla situazione riguardante Marty Banks. Lo scorso ottobre al termine della Mitre 10 Cup, campionato nazionale neozelandese, l’apertura neozelandese sarebbe dovuto arrivare a Treviso.
Al termine della finale disputata contro i Tasman, lo scorso ottobre, il giocatore, causa circostanze personali, aveva chiesto di rimanere in Nuova Zelanda. Richiesta accettata dal club trevigiano ma l'arrivo continuava a essere posticipato fino a questo annuncio. Banks infatti continuerà a vestire la maglia degli Highlanders, nel corso dei prossimi mesi, andando a sostituire l'infortunato compagno di squadra Hayden Parker.

"E’ con profondo rammarico - si legge in una lettera del giocatore indirizzata a tifosi e sponsor - che scrivo per farvi sapere che non arriverò in Italia per giocare con il club questa stagione 2016/2017. Sto attraversando un momento difficile per cui sento il bisogno di rimanere in Nuova Zelanda, vicino alla mia famiglia. Giocherò un’altra stagione in Super Rugby con gli Highlanders e al termine arriverò finalmente in Italia.
Spero possiate capirmi, non vedo l’ora di entrare a far parte del club”.
La finale del Super Rugby è in programma il 5 agosto 2017 e quindi il Benetton Rugby dovrà attendere quanto meno la prossima stagione per vedere Marty Banks in campo.

“In linea con la filosofia societaria – ha espresso il direttore sportivo Pavanello - per il bene di Martin e della squadra, abbiamo preferito che rimanesse in Nuova Zelanda visto il difficile momento familiare che sta attraversando. Nonostante tutti noi siamo a conoscenza delle sue straordinarie qualità, sarebbe stato controproducente portare il giocatore a Treviso considerato il suo stato emotivo. Auguriamo a Martin di superare al più presto questo brutto periodo e non vediamo l’ora di averlo con noi la prossima estate”.

Marty Banks, nato il 19 settembre 1989 a Greymouth in Nuova Zelanda, è un mediano di apertura versatile in grado di ricoprire i diversi ruoli della linea dei trequarti. Tra le sue principali caratteristiche la rapidità nei movimenti, l’abilità nei passaggi e il gioco al piede.
La carriera rugbistica comincia a Takapuna per poi nel 2011 trasferirsi al Krasny Yar, titolato club russo che partecipa alla Professional Rugby League. Nel 2013 fa il suo debutto con i Tasman, con i quali ha giocato le ultimi tre Mitre 10 Cup e dei quali è il miglior marcatore della storia con 628 punti messi a segno. Le sue prestazioni convincenti gli permettono di approdare nel Super Rugby firmando per gli Hurricanes. Nel 2014 è passato agli Highlanders, con i quali l’anno successivo ha conquistato il torneo, battendo proprio la sua ex squadra. Suo il drop decisivo che al 77’ ha allungato le distanze in maniera significativa.