Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ex segretario biancoceleste commenta una gara che non ci sarà

TENNI CHIUSO, CASAGRANDE: "MI PIANGE IL CUORE"

Salta Treviso-Favaro, la squadra di casa non c'è più


TREVISO - Oggi niente partita al Tenni. Si sarebbe dovuto giocare alle 15 fra Treviso e Favaro 1948, invece il Tenni resterà chiuso per la mancata presenza della squadra biancoceleste. Un punto così vergognoso non si riesce a ritrovare in tutta la storia del Calcio Treviso. Lo conferma Leandro Casagrande, memoria storica e bandiera del club: "Secondo i miei ricordi non rammento un episodio simile, e neppure prima: io come dirigente arrivai nell’88 dopo che Dino De Poli aveva salvato la società dal fallimento lasciandola al povero Zambianchi, poi ci fu davvero un fallimento, ma una roba del genere veramente non c’era mai stata. Mi piange il cuore, sono addolorato. Sapere che il mio Treviso non può scendere in campo perché non c’è più è qualcosa che mai e poi mai avrei immaginato. Io sulla mia carriera potrei scrivere un libro, al Treviso penso e spero di aver dato tanto e dal Treviso ho anche ricevuto tanto, ma a questo livello proprio non avremmo dovuto arrivare: ai primi sintomi avrei cercato di fare qualcosa, si sarebbe dovuto partire in un certo modo, con persone qualificate, che avessero voluto salvare le sorti del Treviso. Invece ciò che ho visto in questi 6-7 mesi è stato incredibile, e non lo dico perché non ci sono più, anzi ne approfitto per specificare che nessuno mi ha mandato via, la mia è stata una scelta, tant’è vero che il 26 giugno scrissi a 130 abbonati che a malincuore non sarei rimasto. Ad ogni modo che qualcuno si metta la mano sul cuore, ci sarebbe ancora qualche possibilità di salvarlo, basterebbero 3-4 imprenditori trevigiani."