Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestati tre corrieri e il destinatario, tutti magrebini

FERMATO UN CARICO DI 22 CHILOGRAMMI DI HASHISH DALLA SPAGNA

Operazione anti-spaccio della Guardia di Finanza di Vicenza


LONIGO - Ventidue chilogrammi di hashish, destinati al mercato di Vicenza, Padova e Verona, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza berica, nell'ambito di un'indagine che ha portato anche all'arresto in flagranza di tre nordafricani.
L'operazione, denominata “Slash” e coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Vicenza Hans Roderick Blattner, è partita da una serie di intercettazioni telefoniche. Le informazioni raccolte hanno permesso di intercettare, a Lonigo, in una stradina di campagna, due autovetture con targhe straniere che trasportavano un importante quantitativo di stupefacente proveniente dalla Spagna. A bordo della prima auto c'erano due soggetti di origini marocchine, un 33enne e un 37enne, residenti in Spagna a Malaga e Cadice) che facevano da apripista per una seconda automobile, con targa francese, condotta da un cittadino algerino, di 40 anni, residente a Marsiglia. A bordo con costui, c'era l'intera famiglia: la moglie e due figli minori. Dopo aver fermato le vetture, i militari – grazie anche all’intervento delle unità cinofile – hanno rinvenuto 21 sacche di plastica trasparente, chiuse ermeticamente sottovuoto e contenenti ovuli di hashish, per un peso complessivo di oltre 22 chilogrammi. Le buste erano state nascoste dietro i pannelli laterali dei sedili posteriori dell'auto su cui viaggiava il nucleo familiare, utilizzata ad arte proprio per evitare di destare sospetti in caso di controlli. Il confezionamento dell’hashish in formato di ovuli, oltre a facilitarne il trasporto e l’eventuale frazionamento, è indice di una maggiore qualità dello stupefacente, rispetto a quello trafficato in “panette”. Al dettaglio, infatti, la partita di droga avrebbe potuto fruttare oltre 200 mila euro. Al termine della perquisizione, i marocchini e l’algerino sono stati trasferiti nel carcere San Pio X, a disposizione del magistrato. Il giorno successivo, i finanzieri del Comando Provinciale di Vicenza sono riusciti a catturare anche il destinatario del carico sequestrato: infatti, quando sono state fermate le due autovetture estere, accortosi dell’intervento delle Forze dell’ordine, un terzo marocchino, 31enne, residente a Lonigo, era riuscito a fuggire con la sua macchina, sottraendosi all’arresto in flagranza di reato.
Il soggetto, ormai da tempo monitorato dalle Fiamme Gialle vicentine, aveva creato una propria rete di spaccio nella provincia berica, rifornendo anche diversi pusher minorenni incaricati della vendita “al dettaglio” nell’Alto vicentino, ove distribuiva lo stupefacente a spacciatori minori incaricati della vendita “al dettaglio”.