Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Molte violazioni anche per quanto riguarda i passeggeri

CINTURE ALLACCIATE? UN TREVIGIANO SU CINQUE SGARRA

Quasi 100 violazioni in 3 giorni di controlli della Polizia Stradale


TREVISO - Un trevigiano su cinque gira senza le cinture correttamente allacciate. Questo quanto emerge dalla campagna di controlli a tappeto svolta negli ultimi giorni in tutto il Veneto. In soli tre giorni sono state contestate poco meno di 100 violazioni  sull’utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini su circa 300 veicoli coinvolti dai controlli.

In particolare, nelle giornate di domenica 29, lunedì 30 e martedì 31 gennaio, tutti i Reparti della Stradale della Marca (Sezione Treviso, Sottosezione autostradale A27 – Treviso Nord, Distaccamenti di Castelfranco Veneto e Vittorio Veneto) hanno utilizzato le ordinarie pattuglie nei tradizionali colori di istituto alternandole a pattuglie “civetta” in borghese per controllare il corretto utilizzo dei sistemi di ritenuta.

Complessivamente sono state utilizzate 36 pattuglie 10 delle quali in versione “civetta” che hanno controllato oltre 500 veicoli contestando quasi 100 violazioni delle norme sull’utilizzo dei sistemi di ritenuta evidenziando con un rapporto di 1 violazione ogni 5 veicoli controllati!

Prevalentemente sono state contestate le violazioni ai conducenti dei veicoli anche se non sono mancati i casi dei passeggeri. Infatti, tra gli altri, è stato fermato un pulmino che trasportava 13 persone tutte senza cintura! Parecchi anche i sanzionati che occupavano i sedili posteriori dei veicoli senza utilizzare le cinture di sicurezza il cui utilizzo, lo ricordiamo, è obbligatorio anche per chi occupa i posti posteriori fin dal 1990!
La sanzione per la citata violazione (art. 172 C.d.S.) prevede il pagamento di una somma da 81 a 326 Euro e la decurtazione di 5 punti sulla patente. Inoltre, in caso di reiterazione della violazione nei 2 anni è prevista la sospensione della patente di guida da 15 giorni a 2 mesi.

Molte le proteste da parte degli utenti per i controlli effettuati con i veicoli in colori di serie che tuttavia erano tutti perfettamente riconoscibili per l’uso dei dispositivi lampeggianti ed acustici e per l’utilizzo da parte del personale di pettorine fluorescenti e catarifrangenti della Polizia, oltre all’utilizzo delle palette di istituto e dei tesserini di riconoscimento.

Il dato evidenziato dai citati 3 giorni di controlli, non pare di certo confortante in considerazione del fatto che nella Provincia di Treviso, insieme alla distrazione ed alla guida in condizioni psicofisiche alterate, il mancato uso delle cinture risulta una delle principali concause della mortalità stradale.

Per questo motivo a breve, come ormai da molto tempo, la Polizia Stradale di Treviso ripeterà analoghe campagne dedicate ai citati comportamenti di guida maggiormente pericolosi in merito alla incidentalità stradale (cinture, telefonini e guida in condizioni psicofisiche alterate) nuovamente con l’utilizzo di veicoli “civetta” in colori di serie.