Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fotografie impresse su lastre metalliche mediante un procedimento artigianale

LA MUSICA SUONA NELLA FOTO DI ZAMBON

Stasera la mostrà inaugura alla Piola


TREVISO - "Strobo musica per fotogrammi" è il titolo della mostra di Marco Zambon che inaugurerà stasera all'interno della pizzeria Piola alle ore 18
Violoncelli, batterie, pianoforte e un piatto da dj "vibrano" superando le due dimensioni della stampa su zinco.

Le note, i bassi, gli accordi elettrici si "sentono" guardando le dieci immagini realizzate da Marco Zambon che vive fra amplificatori e palchi. L’occhio è quello di un esperto di musica passato dietro l’obiettivo o di un fotografo con la musica nel sangue.
La vibrazione del colpo di bacchetta sul piatto si scompone in segno fotografico reiterato, intenzionalmente. La batterista doom si trasforma in una dea Kalì contemporanea in tacchi a spillo.
La suggestione è quella del Balla futurista e del suo bassotto, di qualche fotografo visionario che nel secondo dopoguerra usa la strobo photography per catturare l’impossibile: l’arabesque di una ballerina classica, il volo del salto in alto, il giavellotto che percorre il suo arco.

Zambon nasce come esperto del suono fonico e backliner. Nel 2012 rinasce come fotografo e video maker. La musica quindi continua a essere l'elemento imprescindibile dei suoi lavori, fil rouge che anima anche gli scatti più silenziosi.

Nel periodo in cui l'artista decide di dedicarsi alle immagini prende corpo l'idea della serie di Strobo: 10 scatti che condensano una serie di istanti legati ai gesti della musica in immagini uniche. Nelle due dimensioni della fotografia trovano spazio la suggestione di un accordo di violoncello, le note volanti di un pianoforte, lo scratch ruvido di un piatto e della dj che lo suona.
Volti di musicisti che spesso quasi scompaiono per lasciare spazio al gesto artistico, alle dita che pizzicano una corda o danno una pennata circolare durante il salto di un virtuoso della Les Paul.
Volti che appartengono a chitarristi, tastieristi, produttori musicali di primissimo piano nel panorama musicale italiano e che preferiscono restare anonimi, mescolarsi, così come accade quando la lingua comune è la musica, con giovani emergenti.

La tecnica: la foto emerge da un denso fondo nero stampato su lastre di ferro zincato, un materiale che si è rivelato ideale. Gli scatti della serie Strobo sono micro storie che affiorano dal nulla, le fotografie infatti sono state impresse sulle lastre metalliche con un procedimento artigianale e unico: solo il nero del fondo è stampato. Le immagini vere e proprie guadagnano la superficie da una densa oscurità in cui l’assenza totale di luce è premessa voluta e drammatica per l’esplosione vitale di ogni scatto.

«Piola ha sempre aperto le porte all’arte e credo che organizzare una mostra in uno spazio non convenzionale significhi offrire la possibilità all’arte di entrare nel quotidiano di tanti individui. - afferma Dante Carnioato, titolare del locale - Ormai da tanti anni ospitiamo e scegliamo con cura artisti che riteniamo interessanti per la ricerca che stanno portando avanti. Uno spazio diverso da quello della galleria tradizionale consente agli artisti di esprimersi più liberamente e allo stesso tempo avvicina l’arte a tutti, anche a chi non frequenta abitualmente le mostre d’arte».