Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Numerose richieste di visite ricevute dalle scuole

PROROGATA FINO AL 12 MARZO LA MOSTRA "LA GEOGRAFIA SERVE A FARE LA GUERRA?"

Esposizione organizzata da Fondazione Benetton Studi Ricerche negli spazi Bomben


TREVISO - La mostra “La geografia serve a fare la guerra?”, ospitata negli spazi Bomben, è stata prorogata fino a domenica 12 marzo grazie alle numerose richieste di visite ricevute dalle scuole.

L'esposizione organizzata dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, a cura di Massimo Rossi, e con la partnership di Fabrica, che ha realizzato l'allestimento e il progetto grafico, ha già ricevuto un centinaio di classi provenienti dalla Provincia, da altre città venete e dal Friuli Venezia Giulia.

Mappe, atlanti e opere d'arte raccontano la forza comunicativa e persuasiva delle carte geografiche attraverso tre percorsi legati e continuamente in dialogo. Le mappe sono un potente mezzo di comunicazione non verbale e il contesto delle celebrazioni della Grande Guerra offre un valido pretesto per indagare sulla loro capacità di influenzare l'opinione pubblica quando assecondano il punto di vista degli Stati Maggiori.

La prima sezione, Rocce e acque, illustra come le mappe abbiano indotto monti e fiumi a diventare strumenti capaci di separare e dare forma fisica a gruppi etnici, linguistici, nazioni per trasformare i confini naturali da “espressione geografica” a stati. La seconda sezione, Segni umani, racconta l'uso del sapere geografico a fini propagandistici per trasmettere con forza l'idea di nazione prima ancora della sua ufficiale proclamazione politica. La terza parte, Carte da guerra, pone l'accento sulla coesistenza di due approcci culturali apparentemente inconciliabili, nel contesto della Prima guerra mondiale: simboli grafici a indicare la smisurata industria bellica disseminata sul fronte del Piave, insieme a segni che testimoniano la presenza di migliaia di colombi viaggiatori.
La mostra parla inoltre di un'altra geografia possibile: una geografia che moltiplica le sue potenzialità ogni volta che un artista decide di dialogare con una carta geografica.
Le opere e le installazioni artistiche collocate nelle tre sezioni svolgono la medesima funzione del basso continuo in musica, un sostegno armonico in grado di legare tutti i materiali dell'esposizione. La metafora musicale vuole coinvolgere il pubblico e invitarlo a riflettere sulla domanda che corrisponde anche al titolo dell'esposizione: La geografia serve a fare la guerra?

La mostra sarà visitabile:
- fino a domenica 19 febbraio: dal martedì al venerdì dalle 15 alle 20, sabato e domenica dalle 10 alle 20
- successivamente fino a domenica 12 marzo: venerdì dalle 15 alle 20, sabato e domenica dalle 10 alle 20

Ingresso intero: 7 euro
Ingresso ridotto: 5 euro
Ingresso risodtto per le scuole: 3 euro

Maggiori informazioni:
tel. 0422 5121