Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Filt Cgil: "Pronti ad azioni eclatanti e appello ad Unindustria"

ARTONI, ANCHE NELLA MARCA MOBILITAZIONE AD OLTRANZA

Prosegue la protesta dei lavoratori senza paga da un mese


CASALE SUL SILE - La crisi del gruppo di trasporti Artoni di Reggio Emilia sta avendo ripercussioni anche nella Marca trevigiana. Non rientra, infatti, la protesta dei dipendenti, senza paga da un mese, e dei lavoratori della cooperativa Lct, che per Artoni segue la logistica: insieme agli autotrasportatori che operano per conto dell’azienda, i lavoratori sono in presidio dallo scorso martedì di fronte alla sede di Lughignano di Casale sul Sile e alla Fercam, nonché da ieri in sciopero.

Una situazione di difficoltà sfociata con la chiusura di alcune delle 39 sedi che Artoni ha in giro per l’Italia. A monte di tutto una crisi finanziaria che dura da tempo per il gruppo e che sembrava dovesse risolversi con la vendita annunciata un mese fa, per 60 milioni di euro, al gruppo di Bolzano Fercam, altro colosso della logistica. Ma venerdì scorso è saltato tutto, quando si è interrotta la trattativa coi sindacati sugli esuberi di personale. Durante l’incontro Fercam ha posto come condizione al suo subentro in Artoni un accordo che, a fronte di un esiguo incentivo, sancisse il licenziamento di fatto di centinaia di lavoratori e lavoratrici, senza alcuna possibilità di prosecuzione lavorativa e senza alcun ammortizzatore sociale applicabile.

Le segreterie nazionali dei sincadati di categoria e le Rsa replicano a quando divulgato da Fercam, sottolineando di "aver cercato di agevolare in ogni modo, e all’interno delle normative vigenti, l’operazione di subentro". Di aver "proposto di concordare un indennizzo adeguato per coloro che, volontariamente, alla luce delle scelte imprenditoriali relative alle sedi non acquisite, avessero preferito non passare in Fercam. Contestualmente si sono rese disponibili da subito ad affrontare il piano industriale della nuova realtà per trovare tutte le soluzioni necessarie a partire dalla riduzione degli emolumenti del personale e dall’attivazione degli ammortizzatori sociali applicabili, anche attraverso il coinvolgimento del Ministero dello Sviluppo economico e del Ministero del Lavoro. Proposte e disponibilità rigettate da Fercam che ha lasciato il tavolo della trattativa rendendo palese che l’unica sua intenzione reale era quella di appropriarsi delle attività e dei clienti di Artoni senza mettere sul piatto nessuna garanzia per i lavoratori, diretti e indiretti, relativamente a posto di lavoro e reddito. Ora i sindacati chiedono una presa di posizione da parte di Unindustria e sostengono la necessità che le due aziende, Artoni e Fercam, tornino responsabilmente alla trattativa".

“La preoccupazione principale – spiega Samantha Gallo, segretario generale Filt Cgil Treviso - è il pagamento degli stipendi, parliamo di lavoratori che potrebbero presto trovarsi senza posto di lavoro e senza ammortizzatori sociali e di padri e madri di famiglia che si trovano oggi alla canna del gas. A rischiare in questa partita – precisa Samantha Gallo - non ci sono, infatti, solo i dipendenti diretti di Artoni ma anche i facchini degli appalti, oltre ai padroncini, con pesanti arretrati. Per questo, se a livello nazionale la situazione non evolverà al meglio, anche nel trevigiano la mobilitazione continuerà e si potrebbe arrivare a forme di protesta e sensibilizzazione dell’opinione pubblica più eclatanti”.