Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il settore tra restringimento del mercato e nuove tecnologie

ARCANGELO PIAI AL VERTICE DEI FOTOGRAFI DI CNA TREVISO

"Sopravvive chi fa del proprio mestiere un’arte"


TREVISO - Arcangelo Piai, 51 anni, affermato fotografo industriale di reportage di viaggio con studio a Susegana, è il nuovo portavoce di Cna Fotografi, il cui congresso si è celebrato giovedì sera.
L’elezione di Piai, già presidente di Cna Comunicazione e Terziario Avanzato, è avvenuta dopo un articolato dibattito sui cambiamenti che hanno investito il settore, stretto tra il restringimento del mercato interno e la costante evoluzione tecnologica.

"Il mercato per noi fotografi è completamente cambiato – spiega Arcangelo Piai -. Oggi non è più possibile pensare di sbarcare il lunario con lavori a basso valore aggiunto, poco creativi, perché, prima con le fotocamere digitali ora con gli smartphone, l’accesso alle tecnologia e la competenza fotografica si sono diffusi tra la popolazione. Sopravvive chi fa del proprio mestiere un’arte. Servono passione e talento. Certo, non ci sono più i guadagni di vent’anni fa ma spazi e opportunità ce ne sono ancora. L’abusivismo va assolutamente combattuto, non bisogna però pensare di avere diritti acquisiti e bisogna essere consapevoli che, se non si cresce, si va fuori mercato".

Il direttivo del mestiere si incontrerà di nuovo a breve per la programmazione annuale. Tra le linee guida approvate: l’ampliamento della base associativa, il coinvolgimento degli altri mestieri nelle iniziative e la partecipazione ai laboratori territoriali per l’occupabilità.