Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000 euro, con prima moneta di 461.689.
Grandi i nomi nel contesto: l’australiano Marcus Fraser che difende il titolo, gli inglesi Tommy Fleetwood e Danny Willett, campione Masters, il sudafricano Charl Schwartzel, l’austriaco Bernd Wiesberger, lo spagnolo Pablo Larrazabal. Tutti ampiamente motivati gli azzurri, in particolare Manassero pervaso dai ricordi del glorioso passato in questo campo; nel 2011, infatti, fu lui a vincere questa gara.
- Si apre il torneo con l’avvio d’eccezione dello scozzese Marc Warren, al vertice, che compie il giro in 63 colpi, ben 9 sotto il par, con alle spalle il thailandese Phachara Khongwatmai (-7), e un gruppo di sei giocatori a -6, fra cui il vincitore Masters 2016, Danny Willett. L’impegno degli azzurri trova Paratore e Bertasio terminare con 69, un buon -3, che condividono al decimo posto con altri dieci giocatori. Manassero ne realizza 71, e strappa un 53° posto (quattro birdie e tre bogey): Molinari non viaggia bene, è 132esimo.
Al vertice, con -9, lo scozzese Marc Warren, seguito dal thailandese Phachara Khongwatmai (-7
- Nella seconda giornata è Matteo Manassero a ben figurare. Gli si risvegliano i ricordi del 2011. Con uno score di 66 fa una grande rimonta, recupera 46 posizioni, ed è settimo (71 66, -7). Hanno mantenuto una buona classifica Renato Paratore e Nino Bertasio, 29esimi, e con gli stessi parziali (69 71) per entrambi. Molto bene ha giocato l’austriaco Bernd Wiesberger, autore di un 63 (-9): Con undici birdie, di cui nove consecutivi, che segnano record per il circuito, si è portato in vetta a -12 lasciandosi alle spalle l’inglese Danny Willett -11. L’ottimo livello con cui si è espresso Manassero, scaturisce dai sei birdie senza bogey per il 66 (-6), terzo punteggio di giornata. Ha invece mancato il taglio Edoardo Molinari, la cui situazione era già compromessa nel primo turno. È il secondo taglio di fila, non sta purtroppo interpretando il suo gioco.
- Nel terzo round è Danny Willet a imporsi, a voler vincere, conduce in 200 (66 67 67, -16), con sei birdie e un bogey. Non aveva più avuto trionfi Willet, dopo il Master dello scorso anno, e ora, a un giorno dalla chiusura del torneo, ne vede la possibilità, perché ha tre colpi di vantaggio sullo statunitense David Lipsky (203, -13). La possibilità di successo è però anche per l’austriaco Bernd Wiesberger, leader ieri. Renato Paratore è andato in altalena con sette birdie e cinque bogey per il 70 (-2), recupera qualche posizione, è 23°. Perdono terreno Matteo Manassero (34°) con un birdie e quattro bogey, e Nino Bertasio (44°), che ha fissato il 73 (+1) con un birdie e due bogey.
- Nel giro finale ci sono le sorprese. È Fabrizio Zanotti a vincere il Maybank Championship, con un gran finale di 63, che lo porta a un totale di 269 colpi. Col suo -9 conclusivo, Zanotti ha prevalso superando lo statunitense David Lipsky (270, -18), e l’austriaco Bernd Wiesberger (271, -17). Solo quinto l’inglese Danny Willett, al quale non sono bastati tre colpi di vantaggio dopo 54 buche per tornare al successo che gli sfugge dal Masters dello scorso aprile. Si è registrata la piacevole “Buca in uno” di Nino Bertasio, una spettacolare “hole in one” alla buca 5, par 3 di m. 186, la prima realizzata dall’azzurro sul circuito; c’è poi la risalita finale di Matteo Manassero, che ha guadagnato 14 posizioni con un 68 (-4), dovuta a sei birdie e a due bogey (71 66 75 68); e di Renato Paratore, sempre molto regolare (69 71 70 70) con un’escursione di soli due colpi tra i quattro punteggi, peraltro tutti sotto par, che ha terminato con quattro birdie e due bogey per il 70 (-2). Ventesimi entrambi, con 280 (-8), a suggello di una bella prestazione.
Possiede nome italiano, ma italiano non è, è paraguaiano Fabrizio Zanotti, 34enne di Asuncion. Ha condotto 17 buche con sette birdie, poi ha avuto partita vinta con un eagle alla 18, che gli ha regalato il secondo titolo in carriera e un premio di 461.689 euro.
Si hanno intanto notizie di Tiger Woods: l’ex numero uno che abbiamo lasciato la volta scorsa, ritirato al termine del primo giro dell’Omega Dubai Desert Classic per dolori alla schiena. I medici gli hanno impedito di giocare per due settimane; non giocherà quindi i prossimi due eventi del PGA Tour. Tra due settimane verrà rivalutata la situazione, nella speranza che le cure cui si è sottoposto, abbiano raggiunto l’effetto desiderato.
Paolo Pilla