Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La scalinata degli Alpini sarÓ l'arena del tifo

SBANDIERATORI E TAMBURINI APRONO LA TREVISO MARATHON 1.4

Tanti i volontari impegnati. Ristoro con pasta e fagioli


foto CREDIT BOLGAN
CONEGLIANO - Lo spettacolo di sbandieratori e tamburini della Dama Castellana aprirà domenica 5 maggio la Treviso Marathon 1.4. La Scalinata degli Alpini sarà l'arena del tifo dell'evento internazionale.

La città del Cima si prepara ad accogliere i partecipanti alla 42,195 km, alla seconda Treviso Half Marathon e alla MoohRun3.
Maratona e mezza maratona partiranno in Corso Mazzini, per arrivare poi in viale Carducci, viale simbolo della città, tra la stazione ferroviaria e la Scalinata degli Alpini. Piazza Cima ospiterà invece partenza e arrivo della manifestazione ludico-motoria di 5 e 10 km, affiliata Fiasp.

I tamburini e gli sbandieratori della Dama Castellana, come gli anni scorsi, si esibiranno per il pubblico presente e per i partecipanti alla gara aprendo l'evento internazionale. Saranno presenti anche dame e cavalieri con gli abiti rinascimentali. Una trentina di auto dell'associazione Auto Storiche Villorba partiranno per una sfilata alle 9.30.

“Ai miei concittadini – afferma il sindaco di Conegliano, Floriano Zambon - l’invito a far parte di questa grande festa, scendendo in strada per applaudire grandi e piccini e tutti coloro che hanno scelto di correre la maratona della provincia di Treviso”.

Un'occasione, la maratona trevigiana, per far conoscere, anche il territorio. "Arriveranno da tutta Italia e anche dall’estero, per godersi una manifestazione organizzata professionalmente al meglio e un territorio che, come sempre, saprà accogliere tutti, proprio nell’anno della candidatura delle Colline di Conegliano Valdobbiadene a patrimonio dell’Unesco - aggiunge il sindaco - ecco che la maratona trevigiana diventa proprio uno strumento per valorizzare la nostra meravigliosa terra, che merita di essere apprezzata e vissuta in tutti i suoi aspetti, da quelli paesaggistici a quelli storici, da quelli architettonici a quelli enogastronomici, da quelli sportivi a quelli culturali".

Tanti i volontari di Maratona e Protezione Civile impegnati lungo il percorso, alla partenza, all'arrivo, dalla consegna dei pacchi gara ai gonfiabili, dai responsabili della logistica e delle premiazioni agli allestimenti e al ristoro rinforzato con pasta, offerta da Pasta Sgambaro, e fasioi.

Per coloro che arriveranno da fuori provincia o dall’estero l'evento rappresenta l'occasione per visitare il bellissimo centro storico di Conegliano. I podisti qualche centinaio di metri dopo la partenza transiteranno accanto alla fontana dei Cavalli, uno dei monumenti simbolo della città, scolpita nel 1337 da Spongradi e fino al 1770 posizionata al centro di Contrada Granda, in seguito arricchita dalla statua del Nettuno sulla conchiglia trainata da due cavalli marini.

Galleria fotograficaGalleria fotografica