Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La scalinata degli Alpini sarà l'arena del tifo

SBANDIERATORI E TAMBURINI APRONO LA TREVISO MARATHON 1.4

Tanti i volontari impegnati. Ristoro con pasta e fagioli


foto CREDIT BOLGAN
CONEGLIANO - Lo spettacolo di sbandieratori e tamburini della Dama Castellana aprirà domenica 5 maggio la Treviso Marathon 1.4. La Scalinata degli Alpini sarà l'arena del tifo dell'evento internazionale.

La città del Cima si prepara ad accogliere i partecipanti alla 42,195 km, alla seconda Treviso Half Marathon e alla MoohRun3.
Maratona e mezza maratona partiranno in Corso Mazzini, per arrivare poi in viale Carducci, viale simbolo della città, tra la stazione ferroviaria e la Scalinata degli Alpini. Piazza Cima ospiterà invece partenza e arrivo della manifestazione ludico-motoria di 5 e 10 km, affiliata Fiasp.

I tamburini e gli sbandieratori della Dama Castellana, come gli anni scorsi, si esibiranno per il pubblico presente e per i partecipanti alla gara aprendo l'evento internazionale. Saranno presenti anche dame e cavalieri con gli abiti rinascimentali. Una trentina di auto dell'associazione Auto Storiche Villorba partiranno per una sfilata alle 9.30.

“Ai miei concittadini – afferma il sindaco di Conegliano, Floriano Zambon - l’invito a far parte di questa grande festa, scendendo in strada per applaudire grandi e piccini e tutti coloro che hanno scelto di correre la maratona della provincia di Treviso”.

Un'occasione, la maratona trevigiana, per far conoscere, anche il territorio. "Arriveranno da tutta Italia e anche dall’estero, per godersi una manifestazione organizzata professionalmente al meglio e un territorio che, come sempre, saprà accogliere tutti, proprio nell’anno della candidatura delle Colline di Conegliano Valdobbiadene a patrimonio dell’Unesco - aggiunge il sindaco - ecco che la maratona trevigiana diventa proprio uno strumento per valorizzare la nostra meravigliosa terra, che merita di essere apprezzata e vissuta in tutti i suoi aspetti, da quelli paesaggistici a quelli storici, da quelli architettonici a quelli enogastronomici, da quelli sportivi a quelli culturali".

Tanti i volontari di Maratona e Protezione Civile impegnati lungo il percorso, alla partenza, all'arrivo, dalla consegna dei pacchi gara ai gonfiabili, dai responsabili della logistica e delle premiazioni agli allestimenti e al ristoro rinforzato con pasta, offerta da Pasta Sgambaro, e fasioi.

Per coloro che arriveranno da fuori provincia o dall’estero l'evento rappresenta l'occasione per visitare il bellissimo centro storico di Conegliano. I podisti qualche centinaio di metri dopo la partenza transiteranno accanto alla fontana dei Cavalli, uno dei monumenti simbolo della città, scolpita nel 1337 da Spongradi e fino al 1770 posizionata al centro di Contrada Granda, in seguito arricchita dalla statua del Nettuno sulla conchiglia trainata da due cavalli marini.

Galleria fotograficaGalleria fotografica