Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco Manildo: "Città più vivibile, sicura e aperta"

DAL 15 MARZO SI ACCENDONO GLI OCCHI ELETTRONICI

Otto varchi per gli accessi nella ztl in centro a Treviso


TREVISO - Dal 15 marzo si accenderanno gli occhi elettronici sul centro storico di Treviso. Sono in fase conclusiva i lavori di installazione delle telecamere per il controllo in otto accessi alla zona a traffico limitato. In sintesi, il sistema "leggerà" la targa dei veicoli, confrontandola con l'apposita banca dati (la cosiddetta "lista bianca") e verificando se il mezzo è o meno autorizzato ad entrare nella ztl.
In questo modo, stop ai furbetti che transitano senza averne diritto e necessità. Sarà possibile chiedere permessi (quelli già in vigore rimarranno validi) di lunga durata, per chi deve accedere con costanza, ad esempio residenti o titolari di attività commerciali situate nella zona limitata. Oggi circa il 60% dei permessi di accesso in ztl appartiene a persone diversamente abili. La Municipale è da tempo impegnata con le associazioni che li rappresentano per sensibilizzare sul nuovo sistema. Ma potranno essere richiesti anche pass temporanei, per accessi occasionali, ad esempio per chi deve andare a ritirare merci voluminose. Ci sarà anche la possibilità di sanare a posteriori, entro 5 giorni, un accesso non autorizzato (sempre ovviamente che si rientri nelle categorie e nelle motivazioni previste).
Le richieste e le operazioni potranno essere effettuate, oltre che al Comando della Polizia locale, anche tramite un apposito portale: www.ztltreviso.it.

I confini dell'attuale ztl non cambiano. Dal 15 marzo partirà una fase di sperimentazione per testare il sistema (ed eventualmente modificare il disciplinare): per legge deve durare almeno 30 giorni, ma garantiscono dal Comune, sarà più lungo, di certo fino dopo l'Adunata degli Alpini prevista per il secondo weekend di maggio. In questo periodo non verranno effettuate multe tramite il telerilevamento. Ciò non toglie, precisano da Ca' Sugana, che, come avviene già oggi, chi sia sorpreso dai vigili urbani nella ztl senza titolo, venga sanzionato.

Per il sindaco Giovanni Manildo, il nuovo sistema ri rilevamento automatico contribuirà a rendere "la città ancora più vivibile, sicura e aperta".

“Il nuovo sistema vuole essere il primo alleato dei commercianti di questa città – sottolinea l’assessore alla crescita e allo sviluppo, Paolo Camolei – non a caso il disciplinare è l’esito degli incontri che abbiamo condotto in questi mesi con i rappresentanti del mondo del commercio".
Le telecamere garantiranno anche una maggior sicurezza, come ricorda il vicesindaco Grigoletto.

DEPLIANT E SOCIAL, VIA ALLA CAMPAGNA INFORMATIVA

Per informare dell'avvio dei nuovi varchi e delle relative novità è stata predisposta una campagna di comunicazione: verranno stampati 30mila depliant da consegnare a commercianti e cittadini, 600 locandine; un centinaio di manifesti. Inoltre, grazie alla collaborazione con Mom, le immagini compariranno anche su sette bus. Oltre al sito internet la comunicazione verrà anche gestita attraverso i social network istituzionali.

DOVE SONO I VARCHI

La Zona a Traffico Limitato di Treviso si suddivide in due aree: "Zona A" in cui la limitazione al traffico è sempre in vigore; "Zona B" dove vige dalle 22 alle 4.
Sono 8 gli accessi, controllati da sistemi elettronici in grado di rilevare i numeri delle targhe dei veicoli in transito: in via XX Settembre, via Martiri della Libertà, via San Leonardo, ponte San Francesco, vicolo Buranelli, via Cornarotta, Calmaggiore, via Manin (attivo dalle 22 alle 4).

Galleria fotograficaGalleria fotografica