Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo passo per la certificazione di sostenibilità ambientale

IL PROSECCO DOC METTE AL BANDO I FITOFARMACI PIÙ DISCUSSI

Verrà vietato l'uso di Glifosate, Mancozeb e Folpet


TREVISO - Per una maggiore sostenibilità ambientale, il Prosecco Doc mette al bando tre fitofarmici tra i più diffusi, e al tempo stesso tra i più discussi.
"Contiamo di giungere nel più breve tempo possibile ad una certificazione che attesti dapprima la sostenibilità del prodotto, quindi dell’intera denominazione Prosecco - conferma Stefano Zanette, presidente del Consorzio di tutela della Doc -. Ciò avverrà mediante un sistema di gestione che non si limiti alle buone pratiche agricole, comprendendo anche il biologico e la lotta integrata, ma includa anche le buone pratiche socio-economiche. Si tratta di un modello capace di favorire il confronto con le comunità locali, al fine di promuovere e far meglio comprendere l’importanza delle operazioni di sostenibilità, adottate in un’ottica di miglioramento continuo".
In quest'ottica, il consorzio nel "Vsdemecum viticolo 2017, in cui sono indicate le pratiche per i viticoltori, suggerisce lo stop di Glifosate, Folpet e Mancozeb. Si tratta rispettivamente di un erbicida e di due tra i più noti fungicidi, usati contro la peronospora. Già altri consorzi, ad esempio la stessa Docg Conegliano Valdobbiadene, ne hanno sconsigliato l'uso, Il Prosecco Doc, tuttavia, vuole fare un passo in più: "Queste molecole, ancorché ammesse dalla normativa vigente - nota il presidente -, sembrano essere diventate fonte di preoccupazione sia per le popolazioni residenti che per i consumatori. Mi impegno affinché il divieto all’utilizzo di questi principi attivi risulti cogente, ovvero obbligatorio per tutti i produttori della nostra denominazione”. Per queto la loro proibizione verrà inserita nel disciplinare in una delel assemblee in programma nei prossimi mesi. Poi una volta ottenuta anche l'approvazione del ministero delle Politiche agricole, il loro usa sarà vietato per tutti i produttori, pena il mancato riconoscimento della Doc per le loro bottiglie. Il Prosecco è tra le primissime denominazioni in tutta Italia ad adottare un divieto esplicito di questo tipo.