Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domani l'incontro con il direttore generale Benazzi

CUP ULSS 2, LA SOCIET└ APPALTATRICE CONFERMA GLI ESUBERI

I sindacati: "Rivedere tutto il piano organizzativo"


TREVISO - Il piano di riorganizzazione del Cup predisposto dalla ati (associazione temporanea di imprese) tra Anthesys, Elda e Ibm, assegnataria dell’appalto del servizio di centralino per le prenotazioni dell'Ulss 2, conferma le posizioni già comunicate nel primo incontro riguardo l’esubero di personale. Questo quanto emerge dalla riunione tenuta oggi tra i sindacati e la cooperativa appaltatrice del servizio di call center.
A riferirlo Marta Casarin della Fp Cgil di Treviso, Patrizia Manca, della Fisascat Cisl Belluno Treviso, e Beniamino Gorza, della Uil Fp, che hanno già chiesto alla consorzio di rivedere in toto il piano organizzativo, tra cui il mantenimento del call center a Treviso.

Tale piano è per le organizzazioni sindacali non solo insostenibile dal punto di vista della tenuta occupazionale, ma elaborato su una base di ore insufficienti a garantire il servizio all’utenza.

Domani le organizzazioni sindacali all’incontro con il direttore generale dell’Ulss 2 evidenzieranno tutte le preoccupazioni e le richieste a nome dei lavoratori e ribadiranno ancora una volta la volontà di salvaguardare tutti i posti di lavoro e reddito dei lavoratori nonché il servizio erogato.