Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindaco: "Andati fino in fondo per rispetto dei dipendenti corretti"

IL COMUNE DI TREVISO LICENZIA L'IMPIEGATO ASSENTEISTA

Andava in palestra o a casa invece che in ufficio


TREVISO - "Siamo andati fino in fondo perché è giusto che chi sbaglia paghi. Soprattutto, torno a ripeterlo, per tutti quei dipendenti del nostro Comune che lavorano con grande passione e spirito di sacrificio".
Il sindaco di Treviso Giovanni Manildo commenta così il provvedimento con il quale l’amministrazione comunale di Treviso ha licenziato, con effetto immediato, un dipendente assenteista.
Il dipendente in questione, recidivo perché già sospeso in passato dall’attività lavorativa per sei mesi, è stato seguito, come richiesto dal primo cittadino, dagli agenti della polizia locale per diversi mesi a partire dall’estate del 2016. In otto occasioni su dieci si è potuto accertare come quest’ultimo durante l’orario di lavoro si recasse in palestra o, più frequentemente, presso la propria abitazione.
Sospeso dal servizio come previsto dal decreto Madia, insieme alla denuncia per truffa l’uomo è stato denunciato anche alla Corte dei Conti per danno all’immagine. Dopo l’audizione dell’uomo insieme al suo avvocato l’amministrazione ha deciso di procedere con il licenziamento.
"Un ringraziamento particolare va al settore personale ed ai nostri agenti della polizia locale per la collaborazione dimostrata – chiude il sindaco – Una condotta inaccettabile, specie, lo ribadisco, per chi qui lavora sodo e va detto sono tutti gli altri".