Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il blitz è avvenuto in un esercizio a Caerano San Marco

LA FINANZA SEQUESTRA A CINESI 15.600 PRODOTTI NON SICURI

Il titolare rischia una multa di centomila euro


Blitz delle fiamme gialle al bazar cinese: sequestrati 15mila prodotti non sicuri

MONTEBELLUNA - La Guardia di Finanza di Montebelluna ha sequestrato oltre 15.600 prodotti privi dei requisiti minimi di sicurezza previsti per la messa in vendita. Gli oggetti, articoli per la casa, accessori per l’abbigliamento e per la persona, materiale informatico, sono stati individuati in un negozio di Caerano San Marco gestito da cinesi:

I prezzi molto convenienti attiravano un gran numero di clienti, non adeguatamente informati però su modalità di fabbricazione, provenienza e qualità della merce che comunque appariva di normale fattura ed alla moda. Il titolare dell’attività, di origine cinese, è stato segnalato alla Camera di Commercio di Treviso per violazione delle disposizioni del Codice del Consumo, e ora rischia una sanzione amministrativa fino a 100 mila euro.

Il servizio rientra nella costante azione del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Treviso a tutela del Made in Italy e dei consumatori, per contrastare la messa in vendita di oggetti pericolosi per la salute, in quanto non conformi agli standard di sicurezza nazionali ed europei. Dall'inizio dell'anno le Fiamme Gialle trevigiane hanno sequestrato anche altri tremila prodotti con marchi contraffatti.