Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/195: A DUBAI IL GRAN FINALE DELL'EUROPEAN TOUR

Rahm vince il torneo, classifica generale a Fleetwood


DUBAI - Con la disputa del DP World Tour Championship Dubai (16-19 novembre), è terminata al Jumeirah Golf Estates (Par 72), la stagione dell’European Tour cui hanno partecipato i primi sessanta classificati nell’ordine di merito della "Race To Dubai". Unico italiano in gara...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindacato rilancia il referendum sul tema in occasione dell'8 marzo

APPALTI, IL NUOVO FRONTE DEL LAVORO PRECARIO AL FEMMINILE

La Cgil Treviso denuncia le condizioni in mense, pulizie, logistiche


TREVISO - Il mondo dei servizi in appalto - dalle pulizie alle mense, dal magazzinaggio alla logistica - rappresenta spesso la nuova zona grigia del lavoro attuale. Un ambito sempre più diffuso anche nella Marca, in cui, però, spesso le condizioni di lavoro sono al limite.
Ad essere occupate in questi settori, sono soprattutto donne: proprio per questo la Cgil di Treviso ha deciso di porre l'attenzione su questo aspetto in occasione della Festa della donna 2017.
Lo fa attraverso le testimonianze di alcune lavoratrici. Le storie raccontano di contratti a tempo determinato, spesso ridotti da un giorno all'altro. Nel campo delle pulizie degli uffici postali, denunciano i sindacati, ci sono addette che hanno contratti di un quarto d'ora al giorno. Nei servizi legati al mondo della scuola, nei mesi estivi le lavoratrici rimangono "sospese", senza compenso e senza neppure la possibilità di accedere ad ammortizzatori sociali, perchè formalmente non licenziate, in attesa di riprendere l'attività a settembre successivo.
La retribuzione media oraria - conferma Nadia Carniato, segretaria provinciale della Filcams Cgil - si aggira intorno ai 7 euro all'ora lordi (da cui, dunque va detratto quasi un terzo tra tasse e contributi), che possono scendere anche a 4-5 per i soci lavoratori delle cooperative.
Il fenomeno è comunque in crescita, per effetto della cosiddetta "terziarizzazione", ovvero l'affidamento di alcuni servizi ad una ditta esterna, che lavora nello stabilimento o nei locali delll'azienda committente, ma non ha nessun legame con quest'ultima. "Una soluzione - ribadisce Carniato - per limitare i costi ed anche le responsabilità nei confronti dei lavoratori".
Molto complesso persino fare una stima attendibile degli addetti: "Ci sono picchi molto forti legati alla stagionalità, con variazioni anche di un centinaio di addetti in periodi come Natale - sottolinea Samantha Gallo, segretaria della Filt Cgil -. Le stesse aziende committenti, alle volte, non sanno di preciso quante persone lavorano all'interno della loro fabbrica".