Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domenica 12 marzo "Corro ma non tremo" pro terremotati

DALLE COLLINE TREVIGIANE SI CORRE VERSO IL MONTE BIANCO

La "Duerocche" qualificherà per l'Ultra trail du Mont Blanc


CORNUDA - Di corsa verso il Monte Bianco, ma passando per le colline trevigiane. L’edizione 2017 della Duerocche, classico evento del 25 aprile, sarà valida come prova di qualificazione per l’Ultra-Trail du Mont-Blanc, la gara in ambiente naturale più prestigiosa al mondo. L’appuntamento che ogni anno, a cavallo tra agosto e settembre, porta migliaia di appassionati a sfidare le montagne più alte e spettacolari d’Europa.
La partecipazione alla prova trail sui 48 chilometri della Duerocche frutterà ad ogni atleta due punti, che concorreranno a determinare il punteggio necessario per partecipare a tre gare inserite nel programma del celebre UTMB (Ultra-Trail du Mont-Blanc): la CCC (Courmayeur-Champex-Chamonix) di 101 chilometri con 6.100 metri di dislivello, la TDS (Sur les Traces des Ducs de Savoie) di 119 chilometri con 7.200 metri di dislivello, e l’OCC (Orisières-Champex-Chamonix) di 56 chilometri con 3.500 metri di dislivello. Sfide che ogni anno contribuiscono a scrivere la leggenda dell’Ultra-Trail du Mont-Blanc e che, nel 2017, avranno come prologo anche la Duerocche.

Per l’evento trevigiano - pronto ad accogliere seimila atleti che si divideranno tra cinque percorsi (48 e 21 chilometri trail, 12 e 6 chilometri aperti a tutti, 14 chilometri dedicati al Nordic Walking) - è un ulteriore motivo di prestigio che va ad aggiungersi all’assegnazione, già ufficializzata dalla Iuta, l’associazione italiana di Ultramaratona e Trail, del campionato italiano di UltraTrail corto.

Il conto alla rovescia verso la Duerocche 2017 vivrà intanto una significativa tappa domenica 12 marzo, con l’organizzazione di Trail Aid – “Corro ma non tremo”, un trail autogestito che sarà l’occasione per trascorrere una giornata di sport in compagnia, ma soprattutto per aiutare chi si trova in difficoltà. Il ricavato sarà infatti donato alle popolazioni terremotate del centro Italia.

Trail Aid – “Corro ma non tremo” nasce da un’idea di Ottavio Massaretti in collaborazione con la rivista Spirito Trail. Molti gli eventi simili già organizzati in tutta Italia. A Cornuda (partenza alle 9 da dietro il municipio, in Piazza Giovanni XXIII) si correrà su tre tracciati che in parte ricalcheranno i nuovi percorsi della Duerocche 2017.

Previsti un trail lungo di 16,5 km (1000 metri di dislivello), un corto di 11 km (700 metri di dislivello) e un percorso di 8 km (500 metri di dislivello) dedicato agli appassionati del Nordic Walking e ai semplici camminatori. Partecipazione libera (senza bisogno di iscrizione). Libera come l’offerta che andrà alle popolazione terremotate. Poi terzo tempo finale, con cibo e bevande portati dagli stessi partecipanti.