Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Produzione raddoppiata e secondo operatore italiano del comparto

FASSA BORTOLO, CRESCE NEL BUSINESS DELLA CALCE

Acquisite la Barattoni di Schio e la Vilca di Villaga


SPRESIANO - Fassa Bortolo cresce nel settore della calce. Il gruppo di Spresiano mette a segno l'acquisizione di due aziende: la Calce Barattoni di schio e  la Vilca di Villaga, in provincia di Vicenza. Nel primo caso è già stato completato l'acquisto di una maggioranza di controllo del 79,79% delle quote. La seconda impresa è in concordato, ma l'acquisizione da parte dell'industria trevigiana pare ormai cosa fatta, si attende solo il via libera dell'assemblea dei creditori del prossimo aprile. L'investimento complessivo si aggira sui 40 milioni di euro, a cui se ne aggiungerà un'altra quindicina per ammodernare gli impianti, in partioclare per convertirli da carbone a scarti di legno. Confermati anche i circa cinquanta dipendenti totali, anzi sono previste anche alcune assunzioni.
Fassa Bortolo ai due suoi stabilimenti per la produzione di calce già attivi (nel quartier generale di Spresiano e a Montichiari) aggiunge così altri tre siti produttivi (la Vilca dispone anche di una struttura anche a Ceraino, in provincia di Verona): "In questo modo potremo rispondere meglio alle richieste di diverse qualità di prodotto da parte dei clienti - spiega il presidente Paolo Fassa -, e potremo rafforzare il nostro ruolo di secondo produttore italiano in questo comparto". La produzione, infatti, salirà dalle attuali 1.300 tonnellate al giorno a circa 2.500.
Oggi la calce rappresenta poco più del 5% del business complessivo del gruppo, specializzato nei vari prodotti per l'edilizia. "Ma continua ad avere un sono mercato e soprattutto la produzione si sta concentrando in pochi operatori", sottolinea l'imprenditore di Spresiano.
La produzione, un tempo destinata quasi esclusivamente all'edilizia, oggi trova impiego per il 60% nella siderurgia e per un altro 37-38% nell'industria chimica e della depurazione dei fumi e delle acque.
Fassa Bortolo, che ha chiuso il 2016 con un fatturato di 330 milioni, in aumento del 5%, conta, senza le ultime acquisizioni, 13 stabilimenti in tutto il mondo e 1.300 collaboratori.