Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Martedì 21 marzo la serata organizzata da Centro della Famiglia e Sant'Egidio

ORTI INVISIBILI, IL RITORNO DI PAOLINI AL COMUNALE

Sette artisti sul palco per regalare un orto ai senzatetto trevigiani


TREVISO - “Non si vede bene che col cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi” questa massima di Saint-Exupéry racchiude il significato della serata “Orti Invisibili” martedi 21 marzo al Teatro Comunale di Treviso.

Una serata che segnerà un ritorno importante: Marco Paolini, trevigiano d’adozione torna, dopo anni, a calcare il palco del Comunale aderendo ad un importante progetto di inclusione sociale: “Orti Invisibili”.
Oltre a Paolini altri grandi nomi della cultura trevigiana d’esportazione hanno aderito con gratuità alla serata: Silvia Bugno, Giulio Casale, Tolo Marton, Mario Brunello, Mirko Artuso, Domenico Santonicola regaleranno al pubblico trevigiano una interpretazione tratta dal proprio repertorio nel campo del teatro, della danza moderna, della musica, dell’affabulazione, un pezzo del loro repertorio, del loro cuore e giardino segreto interiore: Orto Invisibile.

Un parola che torna importante visto il movimento di riconquista sociale dell'orto, che media quella del cibo, della terra, della comunità, del tempo. Un progetto che mira a restituire questi elementi proprio a coloro che ne sono più lontani.

Lo scopo è la raccolta di fondi per organizzare alla periferia di Treviso su terreno messo a disposizione dal Comune di Treviso un orto per i senzatetto affidato a Centro della Famiglia e a Comunità Sant’Egidio.
Di "Orti Invisibili" parliamo nell'intervista al coordinatore del Centro della Famiglia, Adriano Bordignon e al referente a Treviso della Comunità Sant’Egidio, Valerio Delfino.

Galleria fotograficaGalleria fotografica