Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione al voto delle assemblee dei soci il 2 aprile

BANCA DELLA MARCA SI FONDE CON BCC MARCON VENEZIA

Nasce un polo da 50 filiali e 1,7 miliardi di impieghi


ORSAGO - È una scelta strategica che rafforza la nostra identità: noi siamo e restiamo Banca che mette al centro soci, territorio ed imprese, valorizzando al massimo i collaboratori che sono parte fondamentale ed imprescindibile. La fusione con la Bcc di Marcon è una scelta strategica per crescere ancora e per continuare ad essere competitivi sul mercato”.
Così il presidente di Banca della Marca, Claudio Sernagiotto, annuncia la fusione con la Bcc di Marcon, che sarà presentata ai soci con un assemblea straordinaria il prossimo 2 aprile: se il voto sarà favorevole, l'operazione decorrerà dal primo maggio.. La fusione di Banca della Marca con la Bcc di Marcon produrrà un polo bancario da 50 sportelli, 8.555 soci e 380 dipendenti e con impieghi netti che raggiungono 1.724 milioni di euro.
“Questi non sono semplici e freddi numeri, ma connotano una realtà che sarà protagonista a livello regionale e nazionale - ribadisce il presidente -. La strategia del consiglio non è stata quella di intraprendere il percorso della fusione perché andava fatto, ma per rispondere al mercato e ai nostri competitor, seguendo un preciso piano di business e di investimento per allargare il nostro mercato tutelando i nostri soci ed il territorio in cui operiamo”.
“Banca della Marca – spiega Sernagiotto - è un istituto solido con un patrimonio da 185 milioni di euro, con i conti in ordine ed ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per crescere. Questo, però, oggi non basta per continuare a competere e continuare ad essere protagonisti che per noi significa essere vicini a imprese e comunità. Il processo delle aggregazioni è un treno già in corsa se si pensa che nel 2009 le bcc in Veneto erano 40 bcc ed a fine 2017 saranno 20 grazie a 10 processi di aggregazione già avviati”.
“La strada è tracciata – conclude Sernagiotto - e Banca della Marca insieme alla Bcc di Marcon guarda al futuro con fiducia, consapevoli e convinti che le nostre radici e la nostra identità non si toccano. Questa fusione, che è un investimento dell’azienda, porterà risultati importanti e ci permetterà di dimostrare che noi siamo diversi, ovvero che è possibile fare scelte di business calibrate e pensate sulla crescita senza perdere di vista i propri valori e continuando a restare vicino ad imprese e comunità”.