Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Moretti Polegato: "Guardiamo a nuove acquisizioni oltre il nostro territorio"

VILLA SANDI LANCIA IL PRIMO PROSECCO "BIODIVERSO"

Il 20% delle vigne dell'azienda è certificato


CROCETTA DEL MONTELLO - L’Italia è il paese con il più alto tasso di biodiversità in Europa e, nel 2014, Villa Sandi ha iniziato a coltivare il 20% delle vigna di proprietà seguendo le indicazioni della World Biodiversity Association (WBA) e impegnandosi a ridurre l’impatto delle lavorazioni sull’equilibrio biologico dell’ambiente.
Nel 2016, dopo tre vendemmie, l’azienda trevigiana ha ottenuto la prima certificazione internazionale “Biodiversity friend” secondo i parametri del WBA. La certificazione, che è una misurazione espressa in 100/100, conferma la messa in pratica di pratiche agricole atte al mantenimento e all’incremento della biodiversità nell’agrosistema e che migliorano la qualità di aria, acqua e suolo.
“L’adesione al protocollo per la biodiversità non è un progetto isolato nella storia del nostro Gruppo – afferma Giancarlo Moretti Polegato, Presidente di Villa Sandi – ma la naturale evoluzione di una cultura aziendale che da sempre mette in campo politiche per la tutela dell’ambiente. Siamo nati e viviamo in questo territorio, e vogliamo aumentare l’impegno per la salvaguardia dell’agrosistema nelle nostre vigne, per la salubrità dei nostri prodotti e per la bellezza dei nostri paesaggi”.
Essere “Biodiversity Friend” significa adottare un sistema virtuoso di agricoltura e garantire la conservazione della fertilità dei suoli, una corretta gestione delle risorse idriche e l’utilizzo di energia rinnovabile, ma anche il controllo delle infestanti e dei parassiti attraverso metodi a basso impatto ambientale, la diffusione di siepi campestri e di specie nettarifere.
La misurazione verrà effettuata da WBA con cadenza annuale e Villa Sandi si è impegnata in un percorso di miglioramento continuo dove il punteggio dovrà essere gradualmente e costantemente incrementato.
Tra pochi giorni, in occasione di Prowein (19-21 marzo 2017), la più importante fiera vinicola a livello internazionale, il Gruppo presenterà il primo Prosecco DOCG “Biodiversity Friend” nato dalla vendemmia di vigne Villa Sandi.
Villa Sandi, un centinaio di dipendenti diretti, 26 milioni di bottiglie prodotte ed esportate in 92 paesi nel mondo, ha chiuso il 2016 con 88 milioni di euro di fatturato, in aumento del 20%. Di fronte ad aziende del prosecco acquisite da grnadi gruppi o fondi stranieri, Moretti Polegato ribadisce la volontà di compiere, a proprio volta, nuove espansioni: si guarda, in Veneto, all'area dell'Amarone, mentre in Toscana tra gli obiettivi potrebbero esserci vigneti di Brunello.
L'imprenditore punta a rafforzare accordi commerciali e consorzi tra case vitivinicole "una soluzione per il frammentato mondo del vino italiano". Riuardo al fenomeno prosecco, pur non escludendo ulteriori, limitate crescite, ritiene sia stato raggiunto un equilibrato potenziale produttivo: "Più che inseguire il miliardo di bottiglie - dice - qualifichiamo ancor più l'attuale mezzo miliardo". Tra le stategie, quella di potenziare una promozione comune tra le denominazioni, ad esempio creando un unico grande evento di rilevanza internazionale. Moretti Polegato, tuttavia, nega che la nascita della Doc abbia penalizzato il prosecco Docg "che anzi si vende meglio soprattutto all'estero".