Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bilancio delle Fiamme Gialle: oltre 6.500 interventi in un anno

NELLA MARCA SPRECHI DI DENARO PUBBLICO PER 10 MILIONI DI EURO

Li ha scoperti nel 2016 la Guardia di Finanza di Treviso


TREVISO - Dai controlli nelle imprese alle frodi ai danni dello Stato, dai video poker non in regola ai prodotti contraffatti, dalla lotta al traffico di sostanze stupefacenti al contrasto alle infiltrazioni della grande criminalità organizzata. Anche nel 2016 il comando provinciale di Treviso della Guardia di Finanza ha attuato un'attività variegata in molteplici campi, come dimostrano gli oltre 6.500 interventi effettuati nel corso dell'anno.
Oltre quattrocento le indagini svolte, su mandato dalla procura delle Repubblica di Treviso o della Corte di conti di Venezia.
In primo piano, come ricorda il capo Ufficio Operazioni del comando provinciale trevigiano, Rocco Laiola, le azioni contro i fenomeni di evasione fiscale: sono stati denunciati, tra gli altri, 88 soggetti, di cui quattro arrestati, responsabili di 115 reati in questo ambito: in gran parte, emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazioni fraudolente, occultamento di documentazione contabile e indebita compensazione.
In particolare è stata messa in luce una "frode carosello", cioè un sistema di società fittizie, le cosiddette cartiere, create ad hoc per emettere fatture ed ottenere i rimborsi Iva, per oltre cento milioni di euro. Altri 140 soggetti, invece, sono risultati del tutto sconosciuti al Fisco. Le Fiamme Gialle della Marca, per il recupero di somme evase, hanno sequestrato beni patrimoniali e finanziari per quasi tre milioni di euro e proposto di bloccarne per ulteriori 22 milioni.
L'opera investigativa dei finanzieri guidati dal comandante provinciale Alessandro Nicola Serena ha portato a scoprire aziende o enti che hanno richiesto e percepito finanziamenti pubblici per 600mila euro in modo illegittimo o veri e propri casi di malagestione e sprechi di risorse pubbliche per più di 10 milioni di euro. Senza contare i furbetti del ticket sanitario: 129 controlli hanno smascherato punte di irregolarità, ovvero di chi beneficiava di esenzioni senza averne diritto, del 70%.
Tra le truffe ai danni dell'Erario pubblico, anche slot machine, video poker e altre apparecchiature per il gioco d'azzardo non collegate alla rete del Monopolio, in modo da eludere gli obbligatori versamenti. In 14 controlli in sale giochi e centri scommesse sono stati denunciate 16 persone e sequestrati due personal computer.
Nel mirino rimane sempre anche il lavoro sommerso: 33 i datori di lavoro, accusati di aver impiegato 112 addetti "in nero" e 340 irregolari.
Durante l'anno scorso, poi, la Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 43mila prodotti contraffatti, piratati, pericolosi o con false indicazioni di origine e provenienza, e sono stati tolti dal mercato 338 kg e 233 litri di generi alimentari contraffatti o spcciati per "made in Italy".