Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/166: I GIORNALISTI GOLFISTI SI SFIDANO IN EMILIA

Il Challenge Aigg fa tappa al club Le Fonti e Bologna


BOLOGNA - Siamo in Emilia, per la terza e quarta tappa del Challenge Aigg Diavolina, e la prima giornata è al Club “Le Fonti”. Ci affacciamo ai piedi dell’appennino tosco emiliano in comune di Castel San Pietro Terme, appena un po’ a est di Bologna sulla storica Via...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA È IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'incontro lunedì 27 ore 20.30 a Palazzo Foscolo di Oderzo

"DOPO IL CANCRO LA VITA. CONSERVIAMO IL NOSTRO FUTURO"

Il tema: preservare la fertilità delle pazienti di cancro 'congelando' gli ovociti


ODERZO - “Dopo il cancro la vita. Conserviamo il nostro futuro”. È il tema dell'incontro che si terrà lunedì 27 alle ore 20.30 a Palazzo Foscolo di Oderzo.

L'incontro, rivolto alla cittadinanza, si propone di dare informazioni corrette e diffondere la conoscenza della crioconservazione degli ovociti.

"Secondo le più recenti linee guida, infatti – spiega il dr. Roberto Baccichet, primario di Ginecologia all’ospedale opitergino – se la paziente oncologica ha una giovane età e se la prognosi della malattia è relativamente buona, cosa che fortunatamente è sempre più frequente, l’oncologo dovrebbe valutare l’opportunità della preservazione della fertilità in previsione di un futuro desiderio di gravidanza. Questo, anche per favorire una maggiore tranquillità nell’affrontare le cure".

Per poter eseguire la crioconservazione ovocitaria è necessario sostenere degli accertamenti preventivi e un colloquio con il personale medico del Centro di Procreazione Medicalmente Assistita, che valuterà le caratteristiche della paziente e fornirà tutte le informazioni necessarie.

"Indicativamente - prosegue il dr. Baccichet – la crioconservazione degli ovociti è indicata in donne che hanno la possibilità di rinviare il trattamento chirurgico o chemioterapico di due o tre settimane e che hanno una riserva ovarica adeguata per il recupero sufficiente di ovociti".

L'evento, che si aprirà con i saluti del Direttore generale Francesco Benazzi, è organizzato dall'Azienda Ulss 2 in collaborazione con la Lilt opitergina.
L’incontro di lunedì 27 marzo sarà presentato dal dr. Alessandro Gava, presidente provinciale Lilt.
Interverranno: il dr. Roberto Baccichet (Il centro PMA di Oderzo, epidemiologia delle neoplasie, progetto preservazione fertilità), la dr.ssa Maria Grazia De Vita (Rischio fertilità correlato ai trattamenti antitumorali), la dr.ssa Silvia Guarnieri (Come preservare la fertilità nella donna), la dr.ssa Maura Callegari (La crioconservazione ovocitaria), la dr.ssa Michela De Santis (La gravidanza dopo il cancro).