Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Continuano gli appuntamenti di Pensare il Presente stasera 20.30, auditorium Stefanini

MEDIA E VERITÀ, INTERROGANO IL FESTIVAL DELLA FILOSOFIA TREVIGIANO

La libertà di stampa è tra le condizioni per definire un paese democratico


TREVISO - Continua il programma del "Festival Pensare il presente" con un nuovo appuntamento dedicato al rapporto tra media e verità venerdì 24 marzo ore 20.30 all'Auditorium Stefanini.

Fra le condizioni necessarie perchè un paese si possa definire democratico c'è la libertà di stampa. La libera circolazione delle informazioni e la libertà di critica rappresentano condizioni e strumenti fondamentali per mantenere un reale sistema democratico. La libertà di stampa è inoltre monitorata ogni anno da classifiche come quella di "Reporters sans Frontieres" (che per il 2016 pone l'Italia in 77^ posizione).
Altro aspetto per definire la qualità della stampa e che però risulta più difficile da minitorare è la veridicità dell'informazione.

"In una società in cui la conoscenza del mondo è necessariamente mediata dagli organi di informazione – spiega Damiano Cavallin, Direttore artistico del Festival Pensare il presente – un problema fondamentale è proprio quello di valutare l’attendibilità delle notizie a partire dalle quali costruiamo la nostra immagine della realtà".

Nella complessità del panorama politico-culturale della nostra epoca la situazione è resa ancora più problematica dalla moltiplicazione dei mezzi di comunicazione: i social networks, i siti di informazione indipendente, i blog etc. possono spesso divulgare notizie false o fake news con un grande potere di persuasione.
Parallelamente anche istituzioni e partiti fanno sempre più ricorso ai cosiddetti “fatti alternativi”, ovvero eventi inventati o dati alterati, che contribuiscono a definire l'orizzonte della post-verità.

Com’è possibile sapere se una notizia è realmente vera? Quali sono le logiche che portano i media a selezionare ciò che “fa notizia”? E quanto possono essere influenzati, in questa scelta, dal potere o dalla necessità di attirare comunque l’attenzione degli spettatori, giungendo in alcuni casi ad alterare o deformare la realtà?

Si confronteranno su questo tema Lucio Cortella, docente di storia della filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia e studioso della Scuola di Francoforte e di Jürgen Habermas (che ha svolto ricerche particolarmente significative proprio sulla comunicazione e il suo uso ideologico nei sistemi democratici), la giornalista Silvia Madiotto, che a partire dalla sua esperienza e da alcuni casi concreti traccerà il confine tra verità e finzione nel mondo dell’informazione, e Francesco Paparella, docente del Liceo Classico Canova di Treviso, che affronterà il tema semiotico e filosofico della creazione di senso nelle pratiche narrative di Algirdas Greimas.