Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Continuano gli appuntamenti di Pensare il Presente stasera 20.30, auditorium Stefanini

MEDIA E VERITÀ, INTERROGANO IL FESTIVAL DELLA FILOSOFIA TREVIGIANO

La libertà di stampa è tra le condizioni per definire un paese democratico


TREVISO - Continua il programma del "Festival Pensare il presente" con un nuovo appuntamento dedicato al rapporto tra media e verità venerdì 24 marzo ore 20.30 all'Auditorium Stefanini.

Fra le condizioni necessarie perchè un paese si possa definire democratico c'è la libertà di stampa. La libera circolazione delle informazioni e la libertà di critica rappresentano condizioni e strumenti fondamentali per mantenere un reale sistema democratico. La libertà di stampa è inoltre monitorata ogni anno da classifiche come quella di "Reporters sans Frontieres" (che per il 2016 pone l'Italia in 77^ posizione).
Altro aspetto per definire la qualità della stampa e che però risulta più difficile da minitorare è la veridicità dell'informazione.

"In una società in cui la conoscenza del mondo è necessariamente mediata dagli organi di informazione – spiega Damiano Cavallin, Direttore artistico del Festival Pensare il presente – un problema fondamentale è proprio quello di valutare l’attendibilità delle notizie a partire dalle quali costruiamo la nostra immagine della realtà".

Nella complessità del panorama politico-culturale della nostra epoca la situazione è resa ancora più problematica dalla moltiplicazione dei mezzi di comunicazione: i social networks, i siti di informazione indipendente, i blog etc. possono spesso divulgare notizie false o fake news con un grande potere di persuasione.
Parallelamente anche istituzioni e partiti fanno sempre più ricorso ai cosiddetti “fatti alternativi”, ovvero eventi inventati o dati alterati, che contribuiscono a definire l'orizzonte della post-verità.

Com’è possibile sapere se una notizia è realmente vera? Quali sono le logiche che portano i media a selezionare ciò che “fa notizia”? E quanto possono essere influenzati, in questa scelta, dal potere o dalla necessità di attirare comunque l’attenzione degli spettatori, giungendo in alcuni casi ad alterare o deformare la realtà?

Si confronteranno su questo tema Lucio Cortella, docente di storia della filosofia all’Università Ca’ Foscari di Venezia e studioso della Scuola di Francoforte e di Jürgen Habermas (che ha svolto ricerche particolarmente significative proprio sulla comunicazione e il suo uso ideologico nei sistemi democratici), la giornalista Silvia Madiotto, che a partire dalla sua esperienza e da alcuni casi concreti traccerà il confine tra verità e finzione nel mondo dell’informazione, e Francesco Paparella, docente del Liceo Classico Canova di Treviso, che affronterà il tema semiotico e filosofico della creazione di senso nelle pratiche narrative di Algirdas Greimas.