Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/258: GUIDO MIGLIOZZI ESULTA AL KENYA OPEN

Primo successo sull'European Tour del 22enne vicentino


NAIROBI (KENYA) - Dopo aver seguito le prodezze di Francesco Molinari in Florida impegnato nel Players Championship, trasferiamoci ora in Kenya, a seguire la destrezza degli azzurri impegnati nel Magical Kenya Open del Tour europeo, sul percorso del Karen CC a Nairobi.Degli azzurri, a scendere in...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il presidente della Regione: "Screening al seno anche prima dei 50 anni"

MAMMOGRAFIE 3D E TERAPIA DEL DOLORE, L'OSPEDALE SI RINNOVA

Nuovo reparto e apparecchiature inaugurati dal governatore Zaia


TREVISO - La nuova sede del reparto di Medicina e Terapia del Dolore e la nuova apparecchiatura per mammografie 3D. L'ospedale Ca' Foncello di Treviso potenzia le sue strutture.
Ad effettuare il doppio taglio del nastro, il presidente della Regione Luca Zaia, insieme al direttore generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi.
Il governatore ha anche annunciato come sia allo studio al possibilità di ampliare la fascia di donne sottoposte alle campagne di screening senologico, oggi attuate a partire dai 50 anni. Zaia però ha anche voluto sfatare “la leggenda metropolitana” che il servizio diagnostico non sia disponibile, in caso di necessità, indipendentemente dall'età.
Le nuove strutture sono frutto di un investimento di oltre 600mila euro per l'Ulss 2, che ora punta alla posa della prima pietra della nuova cittadella della salute entro l'estate come ricorda Benazzi.

I nuovi locali del reparto di Medicina e Terapia del Dolore, diretto dal dottor Marzio Bevilacqua si estendono su una superficie di 300 metri quadrati. Con i lavori iniziati l’estate scorsa, l’edificio è stato completamente ristrutturato rimodernato, adeguandolo ai più moderni standard richiesti. E’ stato articolato in due parti. Nella prima sono state realizzate le aree di accettazione e segreteria, di attesa, di osservazione per pazienti in barella e vari servizi. Nell’altra un ampio ambulatorio chirurgico, 4 ambulatori, i locali logistici e altri servizi. L’importo finale del costo delle opere è di oltre 350mila euro. L’unità ha avuto un progressivo incremento dell’attività ambulatoriale (a Treviso e ad Oderzo) passando daille 3.945 prestazioni del 2012 alle 5.706 del 2016, richiamando pazienti da tutto il Veneto e non solo. Il reparto, tra l'altro, è centro di riferimento regionale per il trattamento dell’emicrania cronica refrattaria.

Il nuovo mammografo installato nel Centro Senologico, del valore di oltre 200mila euro, è affidato alla Radiologia, guidata dal dottor Giovanni Morana. Attrezzatura di avanguardia con lettura tridimensionale, consente di superare i risultati della mammografia tradizionale (2D), andando oltre l’eventuale mascheramento delle lesioni tumorali della mammella, causato dalla sovrapposizione di strutture ghiandolari normali che si hanno in particolare nelle donne giovani. La possibilità di dissociare piani diversi con la mammografia 3D rende possibile l’identificazione, con una elevata accuratezza diagnostica, di lesioni tumorali mammarie anche molto piccole.
Con l'unificazione dei programmi delle ex Ulss 7, 8 e 9, l'attività di screening per la prevenzione del tumore alla mammella, coordinata dal centro, potrebbe superare le centomila pazienti esaminate. 

Galleria fotograficaGalleria fotografica