Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Cherv˛ il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/237: L'OPEN D'ITALIA DEI CAMPIONI PARALIMPICI

Lo svedese Joakim Bj÷rkman si conferma imbattibile


CREMA - Sotto l’egida di EDGA (European Disabled Golf Association), si è giocata a Crema la 18esima edizione del torneo italiano per giocatori disabili, aperta a tutte le tipologie di disabilità. Il torneo, appena concluso, si è giocato sulla distanza di trentasei buche,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Padre e figlio vicentini ladri di biciclette con uno stratagemma

"MI FAI FARE UNA PROVA?" E FUGGIVA CON LA BICICLETTA

Sono stati denunciati dai Carabinieri di Vedelago


TREVISO - Denunciati dai Carabinieri di VedelagoRubavano le bici da corsa che trovavano sui siti internet: padre e figlio nei guai
padre e figlio, 58 e 31 anni, vicentini: sono accusati di furto, truffa e ricettazione. Tutto è nato dalle indagini per un furto di una bici da corsa di un 40enne di Vedelago: sono state recuperate quattro biciclette, del valore ciascuna dai 4 ai 5 mila euro, destinate alla rivendita a privati. Il figlio, fingendosi interessato all’acquisto di biciclette da corsa messe in vendita tramite annunci di privati pubblicati su internet, si presentava presso l’abitazione dell’inserzionista e, dopo aver chiesto di effettuare un giro di prova, fuggiva: il padre lo aspettava poco distante in auto. I mezzi sono stati già restituiti ai legittimi proprietari.