Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La forte biathleta bellunese ha raccontato la sua carriera

LISA VITTOZZI OSPITE DEL PANATHLON DI TREVISO

"Il mio sogno è andare alle Olimpiadi in Corea"


TREVISO - Ospite illustre della conviviale di marzo del Panathlon trevigiano al ristorante Migò Lisa Vittozzi, la biatlheta italiana più forte in assoluto, nata a Pieve di Cadore, 22 anni. Il biathlon si compone di una gara di sci di fondo e di una di tiro di precisione. Dal giugno 2013 Lisa fa parte del Gruppo Sportivo Forestale dello Stato. Ha esordito in Coppa del Mondo il 6 dicembre 2014 nella sprint di Östersund e ai Campionati mondiali in occasione della rassegna iridata di Kontiolahti 2015, vincendo la medaglia di bronzo nella staffetta e classificandosi 60ª nella sprint e 41ª nell'inseguimento. Ha concluso la sua prima stagione in Coppa del mondo come sesta atleta più precisa al tiro del massimo circuito con l'88% dei bersagli colpiti e alla 66ª posizione in classifica generale. Ha conquistato la prima vittoria in Coppa del Mondo, nonché primo podio, il 13 dicembre 2015 nella staffetta di Hochfilzen. "Ho iniziato con la discesa, fratturandomi anche una gamba-ha raccontato-ho fatto diversi sport: arrampicata, danza, fondo. Il biathlon nel mio paese non era molto praticato, ho iniziato più che altro per curiosità, visto che tiravo abbastanza bene. E' uno sport difficile, entrano in ballo tante componenti che devono girare bene all'unisono." Com'è la nazionale femminile? "Più forte di quella maschile. Mi ha aiutato Dorotea Wierer, quest'anno diciamo che non sono andata troppo bene, spero tanto nel prossimo e soprattutto voglio assolutamente andare alle Olimpiadi in Corea del Sud, è il mio sogno." Una disciplina difficile. "Soprattutto quando si passa dal fondo al tiro, bisogna avere concentrazione ed un grande controllo respiratorio, contenendo il battito cardiaco."

Nella foto il presidente del Panathlon di Treviso Andrea Vidotti e Lisa Vittozzi.