Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 43% dei soggetti non aveva diritto alle agevolazioni

CHIEDE L'ESENZIONE DAL TICKET, MA HA UN REDDITO DI 450MILA EURO

E' uno dei casi scoperti dai controlli nel distretto di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Il 43% dei soggetti che nel 2012 hanno autodichiarato di dover beneficiare dell’esenzione, parziale o totale, del ticket, in realtà non ne aveva diritto. Questi i risultati degli ultimi controlli effettuati dal personale dei Servizi Amministrativi per l’Assistenza Specialistica dell’Ulss 2 - Distretto di Pieve di Soligo, sugli esenti ticket per reddito ed età e per disoccupazione.

I DATI

Per quanto riguarda le esenzioni 7R2, vale a dire per condizione economica ed età, applicabili sia agli over 65 che agli under 6, gli ultimi controlli completati, relativi al 2012, hanno riguardato 418 autocertificazioni relative a pazienti anziani e 142 a bambini. Per quanto riguarda gli over 65 sono emerse, complessivamente, 268 irregolarità, mentre quelle relative ai bambini sono risultate tutte in regola tranne una.
“Per usufruire dell’esenzione 7R2 – ricorda il direttore generale, Francesco Benazzi – il reddito lordo del nucleo familiare deve essere inferiore a 36.151,98 euro. I casi più eclatanti, tra coloro che hanno dichiarato di aver diritto all’esenzione, riguardano quattro assistiti con redditi che superavano i 100.000 euro. In un caso il nucleo familiare aveva addirittura un reddito di 450.000 euro, in un altro 170.000. Gli altri due avevano dichiarazioni dei redditi che ammontavano, rispettivamente, a 134 mila e 110 mila. Tutti, a fronte della contestazione, hanno detto che si era trattato di un errore e hanno immediatamente provveduto al pagamento“.

“A fronte delle contestazioni relative alle autocertificazioni mendaci – precisa Fiorenzo Roma, responsabile dell’Unità Operativa che effettua i controlli – il 90% degli utenti ha provveduto a saldare il dovuto. Questo ci ha permesso di introitare 61.486 euro dei 66.412,35 euro non pagati per le prestazioni dei falsi esenti“. Cosa accadrà con gli utenti che non hanno saldato il conto? „Le pratiche passano al legale“, spiega Roma.

Oltre ai 268 soggetti che avevano dichiarato un reddito inferiore a quello reale, godendo così dell’esenzione dell’intero ticket in occasione di visite ed esami, sono stati individuate, sempre in relazione all’anno 2012, anche altre 206 autocertificazioni non veritiere (su un totale di 527 controllate) effettuate per godere della riduzione della quota fissa sulle impegnative (codice esenzione 7RQ): “Questi controlli sono stati appena ultimati - sottolinea Roma - ora partiranno le lettere“.

Lettere con le quali l’Ulss, in prima istanza, chiede agli utenti, la cui autocertificazione non collima con i dati del ministero delle Finanze, di produrre la documentazione attestante il diritto a godere dell’esenzione. Nel caso la documentazione non attesti tale diritto si procede, ovviamente, alla richiesta di versare il dovuto.

Sul fronte dei controlli sulle autocertificazioni risultati significativi hanno prodotto anche le verifiche sulle esenzioni 7R3, vale a dire per disoccupazione e reddito: gli ultimi controlli ultimati, relativi al 2011, hanno fatto emergere ben 88 irregolarità su 101 posizioni controllate. “Sono attualmente in corso - anticipa Roma - i controlli su altre 248 posizioni, segnalate dalla Regione e relative al 2012“.
I controlli su tutte le autocertificazioni relative al 2012 sono in corso anche nei Distretti di Treviso e Asolo.