Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'╔LITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La copia della celebre statua sarÓ posta presso la Coltelleria Scintilla

LA FONTANA DELLE TETTE TORNA A SPILLARE VINO

Un preludio tra la rievocazione e la goliardia per l'Adunata


TREVISO - La Fontana delle Tette tornerà a spillare vino.
La copia realizzata in occasione dell'Ombralonga sarà protagonista dell'happening che si terrà sabato 1 aprile nel centro di Treviso come preludio alla Festa degli Alpini.

Un evento a cavallo tra la rievocazione storica e la goliardia: sabato 1 aprile dalle 12 alle 13 una copia della Fontana delle tette, realizzata dall'artista Pierluigi Albano, in arte Azalai, verrà esposta presso la Coltelleria Scintilla a Treviso e utilizzata per la spillatura del vino a beneficio dei passanti e dei convitati.

La Fontana delle tette fu donata ai Trevigiani dal Podestà Leonardo Da Ponte nel 1559, dopo un periodo di grande siccità, e terminata in seguito alla sua morte nel 1560 dal Podestà Zaccaria Mocenigo.

Venne collocata all'angolo di Piazza Maggiore, ora Piazza dei Signori, nel Palazzo Pretorio, in una nicchia della parete "bugnata" nella cosiddetta Loggia degli Incanti.
Fino al 1797, anno della caduta della Serenissima Repubblica di Venezia, in onore di ogni nuovo Podestà dalla Fontana sgorgavano vino rosso da un seno e vino bianco dall'altro, e tutti i cittadini potevano bere gratuitamente per tre giorni. Successivamente venne rimossa e andò persa, fino al recupero da parte dell'abate Luigi Bailo, per poi essere inserita nel Museo Casa da Noal. La statua autentica, seriamente danneggiata, si può vedere in Piazza dei Signori, in una teca, sotto gli archi di Palazzo dei Trecento.
La copia della Fontana delle tette protagonista dell'evento di sabato 1 aprile è stata realizzata da Azalai Pierluigi Albano nel 2014, ricavandola dagli stampi che aveva prodotto nel 1996 (con la consulenza artistica di Cesare Privitera), quando la statua iniziò a essere data in premio ogni anno al miglior locale trevigiano vincitore dell'Ombralonga, come la trattoria Muscoli's e l'osteria Arman. La scultura è già esposta da qualche giorno nella vetrina della Coltelleria che ospiterà l'evento, in via San Francesco 18, in pieno centro a Treviso.

La copia della Fontana è stata realizzata in vetroresina, dipinta a effetto marmo, con i capezzoli in acciaio, e pesa intorno ai 5 kg. L'evento è stato pensato in occasione dei preparativi per la festa degli Alpini: sabato, infatti, la Coltelleria Scintilla presenterà al pubblico il coltellino da convivio “Alpin”, realizzato a mano e dedicato agli Alpini.

Negli anni novanta realizzai una copia della Fontana delle tette più piccola, in cartapesta – racconta l'autore –. Con la "Compagnia de Calza I Antichi" di Venezia la portavamo in giro nelle manifestazioni storiche, anche fuori regione! Piacque agli organizzatori dell'Ombralonga, che me ne commissionarono una più grande in creta. Avevamo poco tempo e gli stampi negativi in gesso vennero asciugati grazie all'aiuto di una famosa ditta di ceramica e mattoni locale: per un'intera giornata venne spostata sopra ai tunnel dei forni... Dai negativi in gesso vennero ricavati i positivi in vetroresina. Dopo qualche anno, durante la premiazione dell'Ombralonga in Piazza dei Signori, davanti a tutti, venne portata via dal palco e… sparì. Fu ritrovata rotta – ricorda Albano – e così ne realizzai un'altra. Tre anni fa produssi l'ultima copia, attualmente esposta presso la Coltelleria Scintilla”.