Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rigenerazione sociale attorno a due temi: la ricerca di spazi e i legami tra vicini

FARE COMUNIT└, PARTE IL PROGETTO A SELVANA FIERA

Dopo il successo a San Zeno coinvolti anche Sant'Antonino e San Lazzaro


TREVISO - Favorire le relazioni e il confronto tra le persone che vivono nello stesso quartiere, condividere momenti significativi della propria quotidianità, sostenere il dialogo dei cittadini con l'Amministrazione Comunale e i servizi, nel segno di un cambiamento: questi gli obiettivi del progetto Fare comunità.

Promosso dal Comune di Treviso e dall'Assessorato alla Partecipazione, Politiche Giovanili e Pari Opportunità, con il coordinamento della cooperativa sociale La Esse, il percorso di sviluppo di comunità è partito poco più di un anno fa dal quartiere di San Zeno.

Protagonista il gruppo Qua.SanZeno ri-scoprire insieme che si è costituito non solo per organizzare attività e iniziative pubbliche, ma prima di tutto per incontrarsi e conoscersi meglio. «Abbiamo raccolto la proposta dell'Amministrazione Comunale e abbiamo deciso di metterci in gioco e di provare a fare insieme qualcosa di concreto - spiegano i membri del gruppo - Nasce così Qua.SanZeno, in cui il termine Qua indica il quartiere ma anche il fattore tempo, perché oggi non possiamo delegare ad altri l'impegno e la partecipazione, ma dobbiamo essere noi prima di tutto a partecipare e a essere attivi».

«Abbiamo promosso il progetto Fare comunità per provare a rispondere agli obiettivi di un'aggregazione consapevole - afferma l'Assessore Liana Manfio - che possa rinforzare i legami tra le persone di uno stesso quartiere come lievito di dinamiche che diventano risorsa per la città, in cui la collaborazione e il supporto reciproco possano essere un aiuto concreto nella quotidianità. E' un’occasione per condividere bisogni ed esperienze, in dialogo aperto con l’amministrazione, per confrontarsi, crescere e fare davvero comunità».

Mettendo a disposizione il proprio tempo, ma anche idee ed energie, il gruppo promotore ha iniziato a incontrarsi e a collaborare insieme già alla fine del 2015 occupandosi della mappatura dei luoghi e della realizzazione delle interviste a soggetti leader, per poi dare avvio dei laboratori organizzati in rete con associazioni e istituzioni come la scuola e la parrocchia.

Un percorso di rigenerazione sociale concentrato attorno a due temi principali, la ricerca di spazi aggregativi, per indagare come si possano vivere, interpretare e rivitalizzare, e i legami tra vicini di casa, da alimentare e consolidare, che si è tradotto nell'organizzazione di attività sempre nuove e diverse.

CamminiAmo San Zeno prevede, in primavera e in estate, delle passeggiate per le strade del quartiere, ognuno al suo ritmo ma insieme, con la guida di Vittorio, insegnante di educazione fisica; CinemiAmo San Zeno, propone delle serate di cinema all’aperto realizzate in collaborazione con l’ARCI per chi, nel mese di agosto, rimane in città; CuriAmo San Zeno, giornata ecologica per raccogliere i rifiuti abbandonati ma anche per ripristinare le aiuole pubbliche che si svolgerà per il secondo anno a fine maggio. Mentre prosegue il corso di ginnastica dolce, ogni mercoledì sera nella palestra della Scuola Don Milani, in programma sabato 8 aprile c'è FotografiAmo San Zeno che porterà, a fine maggio, all'allestimento di una mostra tutta dedicata al quartiere trevigiano, alla sua storia attraverso i ricordi custoditi dagli abitanti, al suo presente, negli scatti di oggi, ma anche al suo futuro, immaginato nei disegni dei bambini delle scuole elementari.

Aperte a tutti, dai più piccoli agli anziani, le iniziative pubbliche si fanno strumento per disegnare una nuova mappa di relazioni sul territorio, attivare nuove dinamiche di partecipazione, creare un legame sociale fatto di appartenenza e responsabilità.
«Attraverso progetti di sviluppo di comunità è possibile costruire e diffondere una nuova cultura del vivere insieme - afferma Nadia Paccagnan della cooperativa sociale La Esse - Fare sviluppo di comunità significa per noi guidare e facilitare le relazioni, accompagnare e supportare le persone nella loro diversità e specificità a stare e lavorare insieme per un obiettivo comune. Questo permette sia di attivare nuove iniziative per tutta la comunità, sia di arricchire la vita dei singoli cittadini di nuovi contatti ed esperienze, aumentando così la qualità della vita relazionale delle persone che vivono vicine».

Il progetto di sviluppo di comunità proseguirà quest'anno anche in altri quartieri di Treviso. Strutturato in incontri, iniziative pubbliche, laboratori tematici di progettazione e di realizzazione di azioni, il percorso di lavoro toccherà già dalle prossime settimane i quartieri di Fiera e Selvana, Sant'Antonino e San Lazzaro.

Per informazioni e partecipazione: Comune di Treviso Cooperativa La Esse - sviluppocomunita@laesse.org - www.laesse.org