Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindacato dei dipendenti di Veneto Banca a congresso

"POPOLARI VENETE, FARE IL FRETTA CON IL SALVABANCHE"

L'appello a governo e istituzioni della First Cisl


SILEA - Via libera all'ingresso del Fondo Salvabanche, per mettere in sicurezza Veneto Banca. E poi avviare un'opera di rilancio. E' la richiesta della First Cisl, una delle principali sigle dei bancari del gruppo montebellunese.
L'organizzazione ha tenuto il suo primo congresso questo pomeriggio a Silea. Massimiliano Paglini, segretario First Cisl Gruppo Veneto Banca, conferma: "Il governo, la politica e le istituzioni locali e nazionali si affrettino a sollecitare la Commissione europea, perchè dia l'autorizzazione al fondo salvabanche. Dopodichè bisognerà pensare ad un progetto industriale serio per riallacciare il rapporto con il territorio"
Paglini non risparmia attacchi alla vecchia amministrazione di Trinca e Consoli, ma anche ai cda successivi. E chiama in causa pure gli enti di controllo e i revisori dei conti, chiamati a verificare e certificare bilanci. Il leader sindacale ribadisce come anche nella vendita delle azioni, i dipendenti abbiano agito sotto il vincolo del rapporto di subordinazione, dunque le responsabilità vanno cercate in alto, non in basso.
La fusione con Popolare di Vicenza, secondo le stime, determinerebbe esuberi da 2 a 3mila addetti. Ipotesi rigettata dalla First. "Di esuberi proprio non vogliamo sentire parlare, circolano molte voci ma secondo noi ci sono soluzioni alternative che possono essere utilizzate per evitare gli esuberi del personale - rimarca il segretario -. La fusione è un bagno di sangue perchè le sovrapposizioni conseguenti determinerabbero per forza di cose delle eccedenze. Se è vero quello che dice la Vigilanza europea devono essere ricapitalizzate prima di essere fuse, non si capisce perchè di debba fare il contrario".
L'organizzazione chiede una maggiore partecipazione e coinvolgimento dei lavoratori, con un tav9lo permanente di analisi, proposta, progettazione ed indicazioni di governo e di gestione del lavoro. Ma ribadisce anche l'importanza di migliorare le piattaforme tecnologiche. Nonostante gli investimenti, ha ribadito il segretario nella sua relazione, oggi “non siamo una banca per giovani”.
Intanto il clima che si respira tra gli oltre seimila dipendenti di Veneto Banca va peggiorando: "Il clima è di forte preoccupazione ovviamente, ma confidiamo nella risposta della politica e delle istituzioni".