Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il "pirata" è un 30enne dipendente del vicino supermercato

URTA CON L'AUTO UN PEDONE E FUGGE, NEI GUAI UN AUTOMOBILISTA

Denunciato per allontantamento e omissione di soccorso


TREVISO - Tornando a casa dal lavoro, aveva urtato con la sua auto un pedone, ferendolo leggermente, ma anziché fermarsi a soccorrerlo, era fuggito. A finire nei guai è un 30enne di Treviso, dipendente del supermercato Cadoro di via Cal di Breda. Gli agenti della Polizia stradale, infatti, sono risaliti a lui dopo un'indagine di alcuni giorni.
Il fatto risale alla sera di giovedì scorso. Intorno alle 19.45, il giovane terminato il suo turno, era salito sulla sua Punto nera. Percorsi poche decine di metri, però, forse per una distrazione, si era avvicinato troppo ad un 19enne che camminava a bordo strada, centrandolo alla schiena con lo specchietto retrovisore e scaraventandolo a terra. Il ragazzo, per sua fortuna, ha riportato solo delle contusioni, giudicate guaribili in sette giorni. L'automobilista si era dileguato, ma alcuni testimoni hanno assistito alla scena, descrivendo un'utilitaria di colore nero. Visto l'orario, i poliziotti della Stradale di Vittorio Veneto hanno intuito che potesse trattarsi di qualcuno uscito da supermarket, che proprio poco prima chiude. Una verifica ha consentito di individuare l'addetto, proprietario di una vettura come quella cercata.
Il giovane in un primo momento ha negato, poi ha ammesso le sue responsabilità. Purtroppo per lui, l'essere fuggito dopo aver provocato l'incidente, reato penale, rischia di costargli assai caro: l'allontanamento dal luogo prevede la reclusione da 6 mesi a tre anni e la sospensione della patente da uno a tre anni, mentre l'omissione di soccorso comporta da uno a tre anni e la sospensione da un anno e mezzo a tre.

Galleria fotograficaGalleria fotografica