Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il "pirata" è un 30enne dipendente del vicino supermercato

URTA CON L'AUTO UN PEDONE E FUGGE, NEI GUAI UN AUTOMOBILISTA

Denunciato per allontantamento e omissione di soccorso


TREVISO - Tornando a casa dal lavoro, aveva urtato con la sua auto un pedone, ferendolo leggermente, ma anziché fermarsi a soccorrerlo, era fuggito. A finire nei guai è un 30enne di Treviso, dipendente del supermercato Cadoro di via Cal di Breda. Gli agenti della Polizia stradale, infatti, sono risaliti a lui dopo un'indagine di alcuni giorni.
Il fatto risale alla sera di giovedì scorso. Intorno alle 19.45, il giovane terminato il suo turno, era salito sulla sua Punto nera. Percorsi poche decine di metri, però, forse per una distrazione, si era avvicinato troppo ad un 19enne che camminava a bordo strada, centrandolo alla schiena con lo specchietto retrovisore e scaraventandolo a terra. Il ragazzo, per sua fortuna, ha riportato solo delle contusioni, giudicate guaribili in sette giorni. L'automobilista si era dileguato, ma alcuni testimoni hanno assistito alla scena, descrivendo un'utilitaria di colore nero. Visto l'orario, i poliziotti della Stradale di Vittorio Veneto hanno intuito che potesse trattarsi di qualcuno uscito da supermarket, che proprio poco prima chiude. Una verifica ha consentito di individuare l'addetto, proprietario di una vettura come quella cercata.
Il giovane in un primo momento ha negato, poi ha ammesso le sue responsabilità. Purtroppo per lui, l'essere fuggito dopo aver provocato l'incidente, reato penale, rischia di costargli assai caro: l'allontanamento dal luogo prevede la reclusione da 6 mesi a tre anni e la sospensione della patente da uno a tre anni, mentre l'omissione di soccorso comporta da uno a tre anni e la sospensione da un anno e mezzo a tre.

Galleria fotograficaGalleria fotografica